- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (272) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Magdi Allam condannato per diffamazione,

Magdi Allam condannato per diffamazione

ago 30th, 2011 | Dal sito : http://www.islam-online.it/ | Categoria: News

MILANO / Magdi Cristiano Allam, giornalista e politico egiziano naturalizzato italiano, già giornalista di varie testate nazionali, è stato condannato dal Tribunale di Jesi per diffamazione.
Magdi Allam dovrà risarcire il danno nei confronti dell’Ucoii.
La vicenda risale a qualche tempo fa, quando Allam in una puntata di Porta a Porta aveva accusato l’Ucoii di averlo minacciato e condannato a morte. L’accusa si è rivelata del tutto falsa, ingiustificata e offensiva. Per questo motivo Allam è stato condannato e dovrà risarcire anche le spese legali.
L’Avvocato Luca Bauccio, difensore dell’Ucoii, si è detto soddisfatto: “E’ una giusta condanna che sanzione frasi molto gravi e gratuite: non si scherza con la sicurezza e non è accettabile che persone oneste e perbene vengano coinvolte in fatti così gravi senza prove e senza fondamento. Occorre – ha aggiunto Bauccio – che il linguaggio pubblico sia sempre ispirato a correttezza e onestà”.

http://www.cronacalive.it/

A proposito di questa ulteriore condanna di Allam, il presidente emerito dell’Ucoii, Mohamed Nour Dachan ha dichiarato:

“La condanna di questo giornalista che ha scelto la strada della diffamazione dell’islam e dei musulmani e dei loro rappresentanti, impone una riflessione a  coloro che decisero di non reagire legalmente alle sue aggressioni o che, addirittura, si schierarono al suo fianco. Come abbiamo sempre detto,  non siamo aprioristicamente nemici di nessuno ma l’intimidazione non ci spaventa e abbiamo usato e useremo tutti gli strumenti che la legge ci mette a disposizione per tutelare l’onorabilità dell’Islam e la nostra”.



Mercoledý 31 Agosto,2011 Ore: 15:28
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Conoscere l'islam

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info