- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (384) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Nigeria Delinquenti ,non salafiti musulmani il vero volto di Boko Haram,di Amina Salina

Nigeria Delinquenti ,non salafiti musulmani il vero volto di Boko Haram

di Amina Salina

Boko Haram non è altro che uno degli attori politici della tragedia dell'Africa sub sahariana ,una parte del continente ricco di storia, tradizioni, cultura ma ormai annichilito dalla logica predatoria delle multinazionali, degli Stati e dei signori della guerra infinita. Come in Afghanistan e nel Pakistan del Nord i gruppi più o meno sedicenti estremisti giocano la carta del tribalismo in veste islamica per interessi economici miliardari, come in diverse disgraziate aree del Sud del Mondo, dove gli Stati sono assenti o collusi con le mafie i gruppi estremisti si intrecciano con i trafficanti di persone, di droga e di armi e con i servizi segreti più o meno corrotti e deviati delle grandi e piccole potenze. La presenza di conflitti endemici rende difficilissima la vita per la popolazione civile che è la vittima designata di questi traffici e dell'ingiustizia degli Stati e delle bande armate in zone del mondo dove la speranza di vita supera di poco i 40 anni o dove le diseguaglianze tra settori della popolazione sono enormi. l'istruzione resta un miraggio per moltissime donne e un grande sacrificio per le famiglie che sono costrette spesso a pesanti rinunce persino alimentari per dare un minimo di istruzione a queste ragazzine che spesso sono povere e mangiano a malapena un pasto decente a casa loro. Ma come sempre il male peggiore nei cuori e quello spirituale attorno a queste ragazze si è formato negli anni un clima di violenza e di sopraffazione che colpisce i cristiani come i musulmani i poveri e quelli che magari hanno un centinaio di vacche ed una casetta. Basta la morte del capofamiglia per gettare dieci o dodici persone nella miseria più nera come ci raccontano quei giovani che riescono fortunosamente a raggiungere l'Italia da queste zone martoriate del mondo. Qui si salvano solo i pochi onesti nel magma della corruzione generalizzata ove tutto si compra: uomini, armi e qualunque cosa serva ai signori della guerra che spesso controllano le fonti di energia. Pochi sanno che Boko Haram ha tentato anche la carta parlamentare ed ha goduto di una limitata popolarita fino al 2009 quando nell'ambito della vera e propria guerra intertribale che in Africa decide chi comanda davvero si è trovato nella fazione perdente ed ha scelto la lotta armata .E' relativamente facile in un'area di grande miseria circondata da zone ricche reclutare mercenari indottrinarli e darsi una veste islamica davanti alla popolazione terrorizzata. Boko Haram che dell'Islam è la negazione svolge un ruolo importante nell'area poiche rende più facile militarizzare il Nord del Paese povero e soggetto ad ogni sorta di vessazione, facilitando la repressione sulla popolazione civile da parte del governo centrale. In un clima di crescente violenza e lotta intertribale tra contadini ed allevatori per l'uso del suolo e dell'acqua vitale in una zona arida, le continue uccisioni e i rapimenti di innocenti compiuti non solo da Boko Haram ma anche da bande e gruppi armati, hanno avuto una escalation con il rapimento delle oltre 270 ragazze la maggioranza della quali cristiane di cui ora si chiede l'immediata liberazione con una Campagna internazionale che ha avuto un enorme eco. Persone di tutte le fedi ed origini si sono unite per chiedere la liberazione incondizionata delle ragazze che hanno tutto il diritto di conservare la loro fede e la loro liberta. L'Islam infatti vieta la costrizione in materia di fede e chiede ad ogni musulmano o musulmana l'acquisizione del sapere per tutta la vita anche da anziani. L'accesso delle donne e delle ragaze musulmane all' istruzione non e affatto una gentile concessione alle mode occidentali ma deriva dal cuore stesso della nostra fede in quanto senza Aisha, che Allah swt sia soddisfatto di lei, non sarebbero stati trasmessi circa tremila hadith fondamentali per la nostra religione. Fu lei la prima Mufti. La donna ha il diritto ma non il dovere di lavorare invece ha il diritto ed il dovere di studiare e di cercare la sapienza. Chi tratta la donna come tratterebbe un gregge compie un grave peccato.
Le maggiori scuole islamiche riconoscono oggi pienamente tutti i diritti dell'uomo e della donna senza discapito alcuno per i diritti del Creatore sulle creature. Il Messaggio islamico è universale ed atemporale. Non si puo confonderlo con una societa tribale che non esiste più e della quale sono stati eliminati tutti gli aspetti deteriori come la schiavitù, la reclusione delle donne ,gli harem ed altre degenerazioni sociali. Le societa islamiche vivono oggi in uno stato di crisi proprio perche l'Islam non è pienamente realizzato come civiltà piu avanzata rispetto alle altre. Una fede rispettosa delle fedi dell'essere umano e dei suoi diritti con una forte base etica e di coesione sociale.
Queste ragazze stavano studiando, andavano in cerca del sapere pur venendo da un ambiente molto povero stavano realizzando qualcosa che è proprio dell'Islam mentre i loro rapitori stanno semplicemente realizzando su di loro una violenza.
Salam
amina salina


Domenica 01 Giugno,2014 Ore: 11:36
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Conoscere l'islam

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info