- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (209) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Islam europeo rivisto e scorretto,di Fouad Allam Khaled

Islam europeo rivisto e scorretto

di Fouad Allam Khaled

La rivolta dei giovani musulmani Islam europeo rivisto e scorretto


Sole 24 Ore di martedì 31 agosto 2010, pagina 12
DIETRO IL DISAGIO
Tra gli shebab occidentali la difficoltà a conciliare tradizione e modernità. Serve una nuova educazione per prevenire la violenza
Quando si getta uno sguardo sui movimenti di protesta, di resistenza o rivoluzionari del secolo scorso, sia in Occidente che nei paesi ex colonizzati, si rimane sorpresi dalla profonda differenza tra la violenza politica di allora e quella di oggi. La guerra di Spagna contava tra i suoi militanti filosofi e poeti come Machado e Garcia Lorca, e c'è un abisso tra il «viva la muerte» cantato da quei rivoluzionari degli anni 30 e lo slogan «amiamo la morte» lanciato negli anni 90 dal Gruppo islamico armato (Gia) in Algeria e ripreso oggi dalle nuove milizie, figlie del salafismo, chiamate AI Shebab.
Questi movimenti islamisti sono il prodotto della destrutturazione del sistema mondiale e della profonda crisi che attraversa le giovani generazioni nel mondo musulmano. Si chiamano shebab, in arabo giovani ; la radice triletterale della parola rimanda anche alla nozione di bellezza. La fascia di età delle reclute va dai 17 ai 30 anni. Provengono da tutto il mondo - Europa, Usa, Asia, Africa, Medio Oriente - e il loro ideale s'inscrive in un'interpretazione radicalista e militante del Corano. L'instaurazione delle corti islamiche rappresenta per loro l'autentico ordine islamico: nulla a che vedere dunque con gli ideali di libertà e giustizia che hanno caratterizzato i movimenti di liberazione nazionale, negli stessi paesi, durante il XX secolo.
Che cosa è accaduto dunque ad un'intera generazione? Qual è la natura del cambiamento, da Est a Ovest, da Nord a Sud? Che cosa accomuna un ragazzo musulmano della periferia di Amsterdam a un coetaneo di Casablanca o di Mogadiscio?
Come più volte ho sottolineato, avere vent'anni nel mondo musulmano non è la stessa cosa che avere vent'anni in Occidente. In quegli ambiti culturali il conflitto generazionale non esplode mai, la relazione tra genitori e figli è sempre verticale e rigidamente autoritaria, tutti i ruoli sono predeterminati. Ma ecco che il sistema mondiale, e la cultura occidentale che ne è alla base, scardinano completamente l'ordine tradizionale mettendo in crisi le certezze. Non è un caso, dunque, che nella stessa Europa si assista a un duplice fenomeno: la dimensione urbana non produce più società e interi quartieri si rinchiudono nella dimensione comunitarista; così gruppi di giovani si impadroniscono dell'islam, lo strutturano a loro modo investendo la loro violenza in una dimensione religiosa.
 Così l'urbanità postmoderna si coniuga con nuove forme d'identità religiosa e l'islam diviene una specie di Weltanschauung per chi combatte su tutti i fronti del mondo, dall'Afghanistan alla Somalia. Questi giovani borderline sanno bene che fanno parte di una cultura perdente e che il cammino dell'emancipazione femminile è irreversibile anche nel mondo islamico. La loro violenza è proporzionale ai cambiamenti in corso, anche se con molta difficoltà, in quella cultura.
 La crescita di questi movimenti e di queste nuove forme di violenza è un segnale anche per l'Occidente: il fatto di trovare nei gruppi di combattenti shebab dei giovani musulmani che provengono da paesi occidentali ci deve interrogare sulla questione dell'integrazione. Perché integrazione non significa solo riconoscimento di un'identità specifica, ma anche condivisione dei valori che sono all'origine dell'Occidente, vale a dire libertà ed eguaglianza. Lo sfaldarsi della coesione sociale è quindi una minaccia per l'Europa: un vasto programma di educazione dovrebbe aiutare a prevenire queste nuove forme di violenza che esplodono nelle zone di conflitto nel mondo. In particolare la costruzione di un islam europeo potrebbe aiutare a definire dei modelli virtuosi di comportament affinché questi shebab che partono anche dall'Europa possano allontanarsi dalla violenza.


Giovedý 02 Settembre,2010 Ore: 11:00
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Conoscere l'islam

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info