- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (193) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org I giovani, la morte e il Comune canta,di Paolo Farinella

I giovani, la morte e il Comune canta

di Paolo Farinella

[pubblicato su la Repubblica/Il Lavoro (locale) domenica 27 giungo 2010, p. XVIII con il titolo: «La strage dei giovani alcolisti e i dubbi sull’Oktober Fest»]
Strana Genova quella in cui viviamo e dove anzi convivono idee e sistemi contrastanti e contraddittori, come se niente fosse e … ognuno va per la sua strada, senza nemmeno rendersi conto che il prezzo salato di alcuni «fatti» lo paghiamo tutti, anche facendo finta che «tutto vada bene, madama la marchesa!». Nel Maggio 2006 nell’ospedale civile di San Martino nasce il reparto di «Alcologia e Patologie Correlate» per fronteggiare le problematiche inerenti le malattie del fegato e, in modo particolare, per preparare i pazienti alcolisti al trapianto di fegato. Il 40% dei trapianti è dovuto all’alcol con una età media intorno ai 40 anni? Chiunque ha un minimo di intelligenza può trarre conclusioni terrificanti sia sul versante sociale sia su quello sanitario e relativi costi. Eppure …
A Genova, l’amministrazione comunale, dopo il «successo della settimana dell’«Oktober Fest»  del 2009, pare che voglia addirittura «raddoppiare» e riproporre «due settimane» con l’intento di raccattar palanche e forse rallegrare la città al canto del valzer di Alfredo: «Libiam, libiamo, ne’ lieti calici, che la belleza infiora» (G. Verdi, Traviata, I atto, scena 2a), istigando all’alcol i propri amministrati, specialmente giovani e giovanissimi. Si dice che in Comune siano frizzanti come il mosto per l’entusiasmo di questo «evento culturale» che invece è la presa d’atto di una strage per l’alcol che sempre più prende piede nel mondo giovanile. Certo, la festa dell’alcol porta lavoro, alimenta il mercato, i produttori di vino sono contenti e il Comune gongola per il successo di immagine ed economico. Accanto alla grande boiata della «notte bianca», che è un insulto all’intelligenza medio-bassa, l’October Fest è decisamente una istigazione al suicidio di massa, con il timbro ufficiale del Comune di Genova. Un successo?
Vediamo i numeri della Provincia di Genova [fonte: Sezione Ligure della Società Italiana di Alcologia (SIA)]. Ogni anno su 100 mila abitanti, 228 sono ricoveri per danni da alcol (3° posto in Italia). Se non basta, il 25% dei decessi dei ragazzi tra i 15 e i 24 anni è dovuto all’alcol (incidenti automobilistici compresi). Il principio economico di fondo può giustificare un simile obitorio permanente? Le ragazze liguri tra i 14 e 19 anni sono quelle che in Italia si ubriacano di più; di queste il 6% si ubriaca più di 12 volte all’anno, cioè più di una volta al mese. Segue la capacità quotidiana (sic!) di spesa in alcolici e superalcolici: il 10% dei ragazzi genovesi dispone di € 12,00 al giorno per alcol, il 20% dispone di € 6-7,00 e il 28%  € 5. Ogni volta che uno si ubriaca riduce la massa cerebrale, cioè crea un danno irreversibile. L’iniziazione all’alcol comincia a 12 anni, cioè appena smesso il ciuccio. L’alcol è sempre più associato alla caffeina per bere di più e per apparire tosti e forti, cioè imbecilli e stupidi?
Il consumo di alcol (vino, birra e superalcolici) è stato inserito nel «Gruppo 1» come massima potenza cancerogena per alcuni organi come cavità orale, faringe, laringe, intestino, fegato e mammella. Questo dato è pressoché nascosto perché fa paura e per non disturbare la sana e salutare festa degli avvinazzati con il patrocinio assassino del Comune di Genova. I produttori di vino hanno anche la pretesa di insegnare ai giovani «a bere bene», cioè a fare i loro interessi, esattamente come Berlusconi che vuole piegare la verità a suo sporco uso e consumo. Come si può insegnare a «bere bene» una sostanza tossica e cancerogena? Spero solo che l’amministrazione comunale sappia fare di conto e valutare il rapporto costi-ricavi: quanto costano in termini di sanità e di socialità i danni provvisori e irreversibili provocati dall’alcol? Chi paga? I produttori di vino o i cittadini? Da un’amministrazione pubblica ci si aspetterebbe un’idea complessiva di città di vita, non di un cimitero immortalato nel clik di un October Fest.Paolo Farinella, prete Genova
Paolo Farinella, prete
Parrocchia S. Torpete - Genova


 



Luned́ 12 Luglio,2010 Ore: 15:08
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Pianeta giovani

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info