- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (225) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Un forum nel sapore della Pasqua e del martírio,di p. Dario

Un forum nel sapore della Pasqua e del martírio

di p. Dario

È ormai una tradizione in occasione del Forum Sociale Mondiale: anche le missionarie ed i missionari comboniani partecipano, offrono le loro proposte e idee, si incontrano per comprendere i nuovi cammini della missione.

Quest’anno il Forum convocato a Tunisi negli stessi giorni della Pasqua ci sembrava una contraddizione: temevamo di perdere l’intensitá della settimana santa. Al contrario, sono state scritte per noi pagine di vita nel sapore della Pasqua e del martirio.

Abbiamo aperto il nostro incontro in terra maghrebina proprio nel giorno della memoria dei martiri di Tibhirine, monaci che non hanno voluto abbandonare il popolo algerino nei giorni della rivolta fondamentalista del ‘96.
E abbiamo concluso sette giorni di riflessione, articolazioni, definizione di strategie ed impegni pregando nel luogo dove due martiri della prima chiesa cristiana tunisina sono state uccise: Perpetua e Felicita, che consideravano il loro martirio come “il grido di un altro”, il Crocefisso. E noi, nell’arena del loro sacrificio, abbiamo rinnovato il nostro impegno assoluto ad essere grido di tante vittime dell’ingiustizia.

C’è una carica spirituale in molte persone che partecipano al forum. Nell’ultima edizione, un’indagine ha definito che il 70% dei partecipanti riconoscono di fondare il loro impegno per la pace e la giustizia proprio su un riferimento spirituale.
E cosí anche noi missionari ci siamo sentiti confermati nel cercare di scoprire il vento dello Spirito che anima questi movimenti. Abbiamo incontrato segmenti interessanti anche della nostra chiesa, presente in modo ancora disarticolato, ma attiva ed in ricerca.

Per non perdersi nell’andirivieni di proposte e nel pluralismo di ideali e lotte, occorreva affermare continuamente, in noi, due degli atteggiamenti chiave dello stesso Gesú di Nazareth: orecchie aperte al dialogo e cuori aggrappati ai poveri.

In questo contesto, i tre giorni della Pasqua hanno acquistato un sapore nuovo.
Giovedí Santo Gesú spezza il pane e fa memoria della vita intera convidisa con i discepoli. Anche noi, in questi giorni, ci siamo cercati e raccolti per mettere in comune le nostre vite. Ciascuno con l’umiltá di voler imparare dagli altri, immagine della comunitá dei discepoli in cerca di senso ed incerta sulla missione che li attendeva.
Al forum abbiamo incontrato una nuova definizione di AGAPE: Alternative Globalization Adressing People and Earth. Questa globalizzazione alternativa, attenta alla gente e alla terra, è uno dei nuovi nomi del cenacolo attorno a cui possiamo incontrarci tutti.

Il Venerdí Santo è giorno di sconfitta e di morte. Risuonano in noi situazioni apparentemente irresolvibili, come il conflitto tra Israele e Palestina, assurdamente ingiuste, come la guerra per la gestione dei beni comuni in Mali, o preoccupanti per le voci degli amici missionari che le soffrono sulla pelle, come il recente colpo di stato in Centrafrica.
L’aggressione ambientale globale è come un aereo in fase di decollo, dice Leonardo Boff: abbiamo giá superato, nella corsa, il punto limite e non ci si puó piú fermare. O ci solleviamo in volo, cambiando pertanto radicalmente il modello di vita, economia e finanza, oppure andremo rapidamente a schiantarci.

La notte del Sabato Santo non è una vittoria schiacciante della vita sulla morte. Troviamo, piuttosto, piccoli segni che ci lasciano intuire che c’è speranza. Sono, per esempio, i sogni di questo piccolo gruppo di missionari: piú inseriti, piú semplici, piú radicali nella prioritá del servizio a Giustizia, Pace e Cura del Creato. È la primavera araba che abbiamo respirato un poco. È l’amicizia profonda di chi si sta impegnando per la vita e si riconosce nella lotta dell'altro.

Dire “un altro mondo è possibile” è un altro modo di affermare “Cristo è vivo tra noi”: due maniere di testimoniare la resurrezione e prepararla, di nuovo, sulle strade della nostra gente e nella memoria dei nostri martiri.




Martedì 02 Aprile,2013 Ore: 14:38
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Globalizzazione No Grazie

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info