- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (1)
Visite totali: (332) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Perché ho scelto di candidarmi con Antonio Ingroia,di <b>Flavio Lotti</b>

Perché ho scelto di candidarmi con Antonio Ingroia

di Flavio Lotti

Cari amici, da molti anni andiamo dicendo che non c'è e non ci sarà pace senza una politica di pace. Ma i nostri appelli e le nostre proposte si sono sistematicamente scontrati con un muro di ciechi, sordi e indifferenti (con tutto rispetto per i ciechi e per i sordi che continuano ad essere privati della dignità e dei diritti fondamentali). Abbiamo sempre cercato di essere positivi e propositivi, aperti al confronto con tutti, anche con quelli che avevano le idee e i comportamenti opposti. Ma, tranne preziose eccezioni, abbiamo trovato scarsa considerazione e scarso ascolto. Neanche di fronte alle peggiori tragedie umane o alle proposte più concrete e ragionevoli. Col passare degli anni, insieme all'indifferenza è invece cresciuta una manifesta ostilità e si sono moltiplicati i tentativi di chiudere le organizzazioni, le istituzioni e le esperienze del pacifismo politico considerate troppo autonome e fastidiose.

Intanto la pace e i diritti umani sono stati cancellati dall'agenda politica e mediatica alla pari di tanti altri problemi che pesano sulla vita quotidiana delle persone, dei popoli e delle comunità. Cosa dobbiamo fare? Continuare come abbiamo sempre fatto o tentare un metodo nuovo? Da lungo tempo ci stiamo ponendo questa domanda senza trovare risposte certe e rassicuranti. Le strade appaiono compromesse, incerte e rischiose. Ma le crisi si moltiplicano e si aggravano drammaticamente. Dentro e fuori i confini del nostro paese. E chi non si accontenta della propria testimonianza, chi pratica la vicinanza agli ultimi e ai più vulnerabili, chi non si limita a parlare dei loro problemi ma cerca di risolverli, deve assumersi una responsabilità sempre più grande. Per questo ho deciso, insieme ad alcuni amici che condividono un intenso impegno civile, di accettare la candidatura alle prossime elezioni politiche del 24-25 febbraio proposta da Antonio Ingroia. Mi ha convinto la sua volontà di aprire alla società civile responsabile un nuovo spazio politico in un sistema bloccato, pericolosamente chiuso e autoreferenziale, spesso insensibile e incapace.

Abbiamo bisogno urgente di una politica nuova e di una nuova cultura politica nonviolenta fondata sulla giustizia e sui diritti umani.
In mezzo a noi crescono le sofferenze delle persone, le povertà, le disuguaglianze, le ingiustizie, i bavagli, la devastazione dell'ambiente e dei beni comuni universali, il ricorso alla violenza, alla guerra e al terrorismo, le violazioni dei diritti umani,... Ma non sono i problemi di sempre. Il mondo sta cambiando strutturalmente e molti nodi stanno giungendo al pettine causando un diffuso dolore. Per scioglierli ci vuole l'impegno di molti e una politica che sappia incoraggiarlo, facilitarlo, organizzarlo. Questo è il tempo della partecipazione responsabile. E di una politica che la valorizza e la sostiene concretamente. Di questo abbiamo disperato bisogno. Oggi, non domani. Perché domani sarà ancora più difficile.

In politica non si scende e non si sale. Si opera. Come fanno milioni di persone in tutto il mondo che provano un po' d'amore per gli altri, che si occupano di persone anziane, bambini, giovani, donne, lavoratori, disoccupati, precari, esodati, persone con disabilità, incarcerati, affamati, disperati, migranti, rifugiati, emarginati, perseguitati, dimenticati,... Non usciremo dalla crisi in cui siamo sprofondati fintantoché questa Politica con la P maiuscola continuerà ad essere ignorata, derisa, marginalizzata e, in fin dei conti, soffocata.

Cambiare è possibile ma non bastano più le denunce, gli appelli e gli auspici. E' necessario "forzare l'aurora a nascere" direbbero Giorgio La Pira, Ernesto Balducci e Tonino Bello. Rompere le consuetudini, uscire dai rifugi che ci siamo costruiti, rimettersi in gioco, scardinare le porte chiuse, aprirne di nuove dove ci sono dei muri, lasciare la strada conosciuta e arrampicarci su nuovi sentieri. Così io voglio continuare il mio impegno politico per costruire un'Italia nonviolenta in un'Europa e in un mondo più giusto, libero e solidale. L'Agenda è l'Agenda politica dei diritti umani. E' l'Agenda della Perugia-Assisi. E di tanti gruppi, reti, associazioni e amministratori locali. La vita, la dignità e i diritti delle persone devono essere messe al centro dell'attenzione delle istituzioni e dell'informazione come stabilito dalla nostra Costituzione. Dobbiamo restituire la Rai-servizio pubblico ai cittadini. Dobbiamo passare dalla sicurezza militare alla sicurezza umana, dalla sicurezza nazionale armata alla sicurezza comune. Dobbiamo ripartire dalle città-mondo, dai territori e dalle comunità locali, reinvestire sugli enti locali e sulla loro capacità di dare risposte concrete ai bisogni e ai diritti fondamentali dei cittadini. Dobbiamo reinserire l'Italia nella comunità delle nazioni che cooperano per la soluzione delle gravi crisi globali aperte e che vogliono costruire nuovi rapporti di giustizia e fratellanza tra gli stati e tra i popoli. Insomma, dobbiamo costruire una politica di pace e di giustizia. Per questo in Parlamento, come nella società, abbiamo bisogno di persone capaci di servire, unire e cambiare. Nessuno può pensare di fare da solo. E' una grande responsabilità da condividere. Ai liberi e forti dico: "Facciamolo ancora una volta insieme."

Flavio Lotti

Perugia, 31 dicembre 2012



Lunedì 31 Dicembre,2012 Ore: 16:46
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Città Giorno Ora
teresa Benedini Brescia 07/1/2013 18.20
Titolo:LIBERTA'....
E' da una vita che sento persone di varia estrazione sociale giustificare le proprie scelte con motivazioni più o meno condivisibili. Tu, Flavio Lotti , giustifichi e motivi il tuo impegno diretto in politica adducendolo ad una "delusione" per la incoerenza riscontrata nei vari partiti riguardo i temi della giustizia e della pace. Ma, sarà solo responsabilità dei partiti? Io guardo attonita ( senza dare troppa importanza...) ai sondaggi di questi giorni. Dopo vent'anni di Berlusconi e conseguente berlusconismo, i sondaggi rilevano per lui e Lega il 20% . C'è da ridere o da piangere? Caro Lotti, credo che finchè in Italia ci sarà un Vaticano che ha sostenuto, sostiene spudoratamente persone di questo stampo, sarà perfettamente tempo sprecato scegliere qualche movimento sperando di riuscire a promuovere una cultura della giustizia e della pace. Non sarà tempo perso darsi da fare per criticare e promuovere cammini alternativi a questi falsi profeti che ingannano per avere più potere.

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (1) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Politica

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info