- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (187) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org L'intervento di Tveit ad Assisi: “La croce non appartiene ai crociati”,di Agenzia NEV del 2/11/2011

Dialogo.
L'intervento di Tveit ad Assisi: “La croce non appartiene ai crociati”

di Agenzia NEV del 2/11/2011

All'incontro hanno partecipato il luterano Younan e il metodista Abrahams


Roma (NEV), 2 novembre 2011 - “La croce non appartiene ai crociati ma è il simbolo dell'amore di Dio che abbraccia ogni essere umano”. Lo ha detto il pastore Olav Fykse Tveit, segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC), nel suo intervento all'incontro interreligioso svoltosi lo scorso 27 ottobre ad Assisi. Partecipando alla “Giornata di riflessione, dialogo e preghiera per la pace e la giustizia nel mondo” indetta da Benedetto XVI sul tema “Pellegrini della verità, pellegrini della pace”, Tveit ha sottolineato come sia determinante l'apporto dei giovani per costruire la pace. Partendo dalla figura di Francesco d'Assisi, “la cui passione e audacia radicale illustrano bene il significato della fede e del coraggio dei giovani”, il segretario del CEC ha affermato come non sia affatto un caso che “siano i giovani a guidare i processi di democratizzazione in molte nazioni del mondo”, a partire dalle cosiddette “primavere arabe”. Tveit ha infine voluto ricordare Gerusalemme, città santa per l'ebraismo, il cristianesimo e l'islam, ma anche luogo di conflitti e ferite aperte. “Come leader religiosi, preghiamo per la giustizia e per la pace di Gerusalemme e di tutti coloro che vivono in essa”, ha concluso Tveit.

Un appello al ruolo profetico della chiesa in un mondo dilaniato dalla violenza è stato lanciato dal vescovo Munib Younan, presidente della Federazione luterana mondiale (FLM): “Dobbiamo accettare la sfida di interpretare il nostro desiderio e impegno per la pace nelle concrete dimensioni di oppressione e ingiustizia che spesso sperimentiamo nella vita quotidiana”. Oltre a Younan, e al segretario generale del Consiglio metodista mondiale Ivan Abrahams, ad Assisi erano presenti 13 delegazioni protestanti tra cui quelle della Comunione mondiale delle chiese riformate e dell'Alleanza battista mondiale.



Giovedì 03 Novembre,2011 Ore: 17:23
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Dialogo intereligioso

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info