- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (257) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Senza Fine,di  RENATA RUSCA ZARGAR

Un nuovo blog
Senza Fine

di  RENATA RUSCA ZARGAR

BLOG DI RENATA RUSCA ZARGAR

Il 12 ottobre è nato il blog “Senza Fine” di Renata Rusca Zargar (senzafine.zacem-online.org), con la speranza che siano in molti a volervi scrivere e commentare.

“Mio marito Zahoor ha avuto l’idea di farmi un blog nel quale io potessi scrivere quello che mi passava per la testa e dove gli altri potessero interagire. Così, adesso, il blog esiste in un angolino del sito dell’Associazione Zacem. Poi, ci ha inserito una mia fotografia, dei nostri primi tempi insieme (eravamo a Firenze), una foto che si è salvata dall’incendio della sua casa familiare in Kashmir. Infatti, noi avevamo fatto un patto: io avrei tenuto le foto scattate in India e lui quelle fatte in Italia. Per questo, le foto che lui doveva tenere e che erano nella sua stanza, nel suo armadio, in Kashmir, sono andate distrutte. In casa nostra, nell’ingresso, c’è incorniciata una nostra foto a Roma dello stesso periodo di quella di Firenze. Diverse persone, vedendola, ci hanno detto che non potevano credere che fossimo noi due. Allora, mettendo quella foto sul blog, ho valutato che tutti penseranno la stessa cosa. Inoltre, detesto quelli che mettono sulla lapide del cimitero la foto del defunto quando era ragazzo/a, generando l’impressione che fosse deceduto/a a vent’anni invece che, magari, a ottanta o più, per fortuna! Poi, mi sono detta e allora? Metterò vicino una foto di adesso, così la differenza sarà visibile e lascerò liberi quei brutti commenti: -Ma davvero sei proprio tu???????? Sembra impossibile!!!!!- Mi viene in mente anche che, una volta, una signora mi ha chiesto: -Ma come avete fatto voi due ad avere due figlie così belle?- (Misteri della genetica –forse di quella mentale della signora?)

Nel mio blog, non so ancora cosa scriverò, per questo l’ho chiamato ‘Senza fine’ che vuole dire, semplicemente, che non c’è un fine preciso: seguirò un po’ quello che capiterà, andrò dietro agli eventi, invece che programmare prima cosa fare (come faccio sempre!).”

Da “BENVENUTI NEL MIO BLOG”




Sabato 19 Ottobre,2013 Ore: 11:09
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Cultura

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info