- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (222) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Un nuovo saggio su Gesų di Nazareth,

Recensione
Un nuovo saggio su Gesų di Nazareth

ELIO RINDONE, Chi č Gesų di Nazareth?, Roma 2011, pagg. 240, prezzo di copertina euro 15, ma acquistabile on line sul sito ilmiolibro.it a 10 euro.


Un altro libro su Gesù: scritto però non per ripetere quello che si è sempre detto ma per informare sulle ‘idee nuove’ che cominciarono a circolare nella comunità credente dopo il Concilio.

1 Il Vaticano II, infatti, mettendo in discussione non solo l’insegnamento tradizionale ma anche lo stesso modo di sentire e vivere la fede, suscitava un moto di rinnovamento quale non si era mai verificato nella chiesa, se si eccettua la Riforma del ’500. Il libro di Rindone costituisce una sintesi ben documentata della vivacità e della libertà del dibattito biblico-teologico post-conciliare e insieme un invito a valorizzare quel patrimonio che oggi rischia di essere dimenticato.

2 La prima parte dello scritto risulta molto efficace nell’evidenziare, con uno stile pacato e mai polemico, la fragilità delle argomentazioni tradizionali a proposito della storicità dei vangeli, del valore probatorio dei miracoli, della valenza ontologica delle formule usate dai discepoli per designare il loro Maestro, giungendo alla conclusione che la cristologia di Calcedonia va abbandonata perché non è fondata su una corretta lettura della Bibbia; la seconda parte mostra come da questa revisione, o meglio da questa rivoluzione teologica, non consegua la svalutazione ma al contrario la riscoperta dell’autentico messaggio evangelico e della sua rilevanza anche per l’uomo di oggi.

3 L’autore ha vissuto in prima persona il trauma prodotto dal cambiamento di paradigma verificatosi nel periodo conciliare e ha accettato le nuove prospettive teologiche non perché dettate dalla moda ma perché fondate sulle acquisizioni esegetiche più rigorose, che ha avuto la possibilità di vagliare in un ambiente particolarmente favorevole, l’Università Cattolica di Nijmegen, in cui poteva tenersi a contatto con un teologo della statura di E. Schillebeeckx. Tutto ciò accresce il pregio del libretto, a cui mi sento di augurare la più ampia diffusione.

Ortensio da Spinetoli

1/11/2011



Lunedė 14 Novembre,2011 Ore: 14:38
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Cultura

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info