- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (195) - Visite oggi : (2)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Salviamo il pastore Nadarkhani,di Paolo Naso

Salviamo il pastore Nadarkhani

di Paolo Naso

L'arresto e la condanna a morte in Iran di un pastore evangelico accusato di apostasia cade a pochi giorni dalla X Giornata del dialogo cristiano islamico e dall'incontro interreligioso convocato da Benedetto XVI ad Assisi. Il dialogo è l'unica strada percorribile ma perché abbia senso e produca frutti chi vi partecipa deve riconoscere il valore assoluto della libertà della coscienza.

il pastore evangelico Yousef NadarkhaniYousef Nadarkhani è un pastore evangelico iraniano che rischia la vita perché condannato per apostasia, avrebbe cioè abbandonato la fede islamica per convertirsi al cristianesimo. E lo ha fatto pubblicamente, diventando pastore evangelico e contestando le nuove norme che impongono l’insegnamento religioso coranico nelle scuole pubbliche. Il caso è ormai scoppiato e governi e opinione pubblica di tutto il mondo sono consapevoli della brutalità di una legge – quella sull'apostasia – che in Iran e in altri paesi viola il fondamentale diritto umano alla libertà di coscienza, di credere o di non credere, e di credere in una forma e secondo una tradizione diversa da quella imposta da una legge arbitraria.

Sul caso è intervenuta anche la Casa bianca ma, sin qui senza che nulla sia accaduto. Il pastore Nadarkhani potrebbe anzi restare vittima dell'arroganza di un regime che sacrifica una persona e un ministro di culto per dare prova della sua intransigenza e della sua determinazione politica.

Per quanto rimarranno poco ascoltate, però, le proteste dell'Occidente e di quanti nel mondo islamico rifiutano di attribuire al Corano e al profeta Muhammad la paternità dell'abominio di una esecuzione capitale perché ci si è convertiti a una regione diversa dall'Islam, devono continuare. Anzi devono salire di tono.

Siamo a meno di un mese dalla X giornata del dialogo cristiano islamico, una iniziativa nata in Italia a pochi mesi dall'11 settembre, mentre rullavano i tamburi dello scontro di civiltà e c'era chi invocava una nuova crociata contro l'islam ritenuto responsabile di quella tragedia. Tutto l'islam, l'intera umma dei musulmani. La giornata del dialogo voleva proporre, in quel frangente, una lettura radicalmente opposta e tendere una mano ai musulmani che, come tanti cristiani e tanti non credenti, avevano osservato sconvolti e angosciati il crollo delle torri di New York. Al delirio fondamentalista della “guerra santa” dei qaedisti, in tutto il mondo milioni di musulmani seppero contrapporre un'altra idea dell'islam, quella della pace-salaam come fondamentale principio costitutivo delle religione rivelata a Muhammad.

In Italia, negli anni successivi la “Giornata” ha fatto la sua strada, diventando un'occasione importante e riconosciuta perché cristiani e musulmani, a livello locale, imparassero a conoscersi ed a collaborare: il dialogo alla base delle religioni, con tutti i rischi della frammentarietà e dell'improvvisazione ma anche una grande esperienza di incontro e una grande sfida ai pregiudizi.

Quest'anno la Giornata del dialogo coinciderà con una solenne convocazione convocata da Papa Benedetto XVI in occasione dei 25 del primo incontro interreligioso di Assisi: il dialogo al vertice delle religioni, con tutti i rischi e le ambiguità di una forma a cui corrispondono pochi contenuti, ma pur sempre un gesto per la pace e la convivenza.

L'augurio è che per il 27 ottobre, quando in oltre cento città italiane si celebrerà la giornata e a Assisi si raccoglieranno i capi delle grandi comunità religiose, il pastore Nadarkhani sia già libero. Se così non fosse, proprio per dare forza e valore al dialogo, sarebbe bello che in ogni incontro si ricordasse che, mentre cristiani e musulmani parlano di pace e di convivenza, un cristiano rischia la vita nel nome di una norma che qualcuno pretende sia dettata dall'Islam.

Se musulmani e cristiani sapranno dirlo insieme, a partire da oggi, il 27 ottobre sarà davvero un giorno speciale e benedetto da Dio.

3 ottobre 2011



Marted́ 11 Ottobre,2011 Ore: 12:27
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Dialogo cristiano-islamico

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info