- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (1)
Visite totali: (823) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Appello per la dodicesima Giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico del 27 ottobre 2013  ,di Comitato promotore

Appello per la dodicesima Giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico del 27 ottobre 2013  

di Comitato promotore

Libertà religiosa, base della convivenza civile.
Un unico Dio, una sola umanità, diritti umani per tutti e tutte.
Il tema della dodicesima giornata è nato riflettendo sulla “guerra infinita”, iniziata l'11 settembre del 2001 e tuttora in corso, sulla libertà religiosa e su una legge che la tuteli secondo lo spirito della nostra Costituzione.
La guerra, con la questione connessa della immonda produzione degli armamenti, è sicuramente una emergenza drammatica del nostro tempo, come le ultime vicende siriane dimostrano. Le religioni, purtroppo, forniscono ancora oggi motivazioni culturali-religiose ad un evento, quello della guerra, che ha invece precise motivazioni di carattere politico-economico. Ed è stato proprio lo scoppio della “guerra infinita” che ci portò a lanciare nel 2001 l'iniziativa della Giornata del dialogo cristiano-islamico. Con questa iniziativa, abbiamo tentato di impedire che la guerra facesse fallire qualsiasi possibilità di dialogo fra cristiani e musulmani.
Per i promotori della Giornata del dialogo cristiano-islamico, quindi, è indubbio che la pace sia un bene prezioso da salvaguardare a tutti i costi, ed è per questo che abbiamo aderito convintamente alla giornata di preghiera e digiuno per la pace indetta da Papa Francesco lo scorso 7 settembre. La pace è parte integrante della nostra impostazione di fondo.
Ma urgente e drammatico è anche il tema della libertà religiosa su cui poco si riflette e che, nonostante quanto previsto dalla nostra Costituzione (art. 3,8,19,20), è ancora largamente inattuata ed è anzi oggetto di scontro in numerose regioni del nostro paese, soprattutto al nord, e non solo nei confronti dei musulmani che si vedono sistematicamente negare il permesso di erigere propri luoghi di culto. Manca, ancora, una legge attuativa delle norme costituzionali che superi la normativa dei “Culti ammessi”, che sono una triste eredità del fascismo. La stessa questione delle intese, in attuazione dell'art. 8 della Costituzione, ha avuto ed ha tuttora notevoli ritardi, per l'ostruzionismo di alcune forze politiche, negli iter di approvazione definitiva delle intese già firmate con numerose organizzazioni religiose. Fra l'altro l'intesa con l'Islam, che oggi rappresenta la seconda confessione del nostro paese, non è ancora neppure in cantiere.
Da un lato abbiamo una Costituzione che sancisce inequivocabilmente la libertà religiosa, dall'altro abbiamo comportamenti e normative preesistenti alla Costituzione che ne frenano l'attuazione. Lo stesso dicasi sul piano strettamente religioso, dove non mancano documenti importanti e spesso pieni di spirito profetico sul tema del dialogo interreligioso, che però non trovano riscontro nella prassi quotidiana delle comunità cristiane. Basti citare la Nostra Aetate, del Concilio Ecumenico Vaticano II, o la più recente Carta Ecumenica, che contengono entrambe significativi passaggi sui rapporti con l'Islam. La Carta Ecumenica, generalmente poco conosciuta dalla grande massa dei cristiani italiani, raccomanda “di riflettere insieme sul tema della fede nel Dio unico e di chiarire la comprensione dei diritti umani”, chiedendo alle chiese di impegnarsi “ad incontrare i musulmani con un atteggiamento di stima” e “ad operare insieme ad essi su temi di comune interesse”. Bisogna cioè favorire l'incontro e la convivenza civile. Lo diciamo e tentiamo di realizzarlo da 12 anni. Ed è per questo che invitiamo tutte le comunità cristiane e musulmane ad organizzare incontri di dialogo il prossimo 27 ottobre sul tema: «Libertà religiosa, base della convivenza civile. Un unico Dio, una sola umanità, diritti umani per tutti e tutte».
Con un fraterno augurio di
Shalom, salaam, pace
I promotori della giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico
Roma, 1 Ottobre 2013
Invitiamo ad aderire alla 12 giornata del 27 ottobre 2013, il cui tema è:
Libertà religiosa, base della convivenza civile.
Un unico Dio, una sola umanità, diritti umani per tutti e tutte.
Cliccando sul seguente link
Per l'elenco dei promotori, per le adesioni e le iniziative vedi la pagina:
www.ildialogo.org/cristianoislamico

Leggi le adesioni per la 12ema giornata qui




Martedì 01 Ottobre,2013 Ore: 15:31
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Città Giorno Ora
youssef salmi campagnola emilia 01/10/2013 23.58
Titolo:12° Giornata ecumenica del dialogo cristian-islamico
il Papa Giovanni Paolo II disse, non ci sarà pace nel mondo fin che non ci sarà pace in medio oriente... purtroppo non fu e non è ancora ascoltato.. continuiamo a creare guerre in quella culla delle religione e delle cultura.... speriamo che sorga presto la luce che ci aiuterà al risveglio

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (1) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Dialogo cristiano-islamico

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info