- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (352) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org COMMENTI SUL FINE PENA MAI,a cura della COMUNITA' PAPA GIOVANNI XXIII

COMMENTI SUL FINE PENA MAI

a cura della COMUNITA' PAPA GIOVANNI XXIII

Come molti di voi sapranno, la Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da Don Oreste Benzi, ha sottoscritto con gli ergastolani  una lettera aperta al Papa.
Nel sito www.apg23.org sono state raccolte le adesioni di coloro che, al di là di ogni appartenenza politica e religiosa, aderivano all'appello.
Hanno sottoscritto politici, personalità importanti, gente comune, parenti e familiari di detenuti, religiosi, ecc...ognuno con l'intento di manifestare il proprio appoggio e la propria solidarietà a coloro che vivono e che si battono contro un inumano, e REALE,  "Fine pena mai". 
Stiamo mettendo insieme tutte le adesioni raccolte, dando ad ognuna la stessa importanza e dignità, dal personaggio famoso fino alla persona più comune della porta accanto. 
Nel modulo di adesione c'era la possibilità di lasciare un proprio commento: naturalmente non tutti l'hanno fatto e moltissimi si sono sentiti liberi di non aggiungere nulla ma di dare semplicemente la loro solidarietà e adesione. Oggi vi vogliamo però riportare alcuni, solo alcuni, dei commenti più rappresentativi: solo un segno, solo delle frasi che ci aiutino ancora una volta a riflettere. A volte sono state richieste di aiuto, altre volte testimonianze personali, altre ancora ringraziamenti...
 
Quello che vi proponiamo sono dei contributi estratti da tutto quello che ci è arrivato. Abbiamo scelto di non mettere solo le parole  di personaggi pubblici, anzi, alcuni nomi  abbiamo dovuto tralasciarli in questa sede perchè, pur aderendo, non hanno lasciato commenti,  ma abbiamo semplicemente  fatto una selezione di tutto quello che ci è pervenuto.
 
Lo divulghiamo perchè diventi "patrimonio" di tutti.   
 
Sul nostro sito www.apg23.org è sempre aperta la possibilità di adesione per coloro che ancora non l'hanno fatto. 
 
Cordiali saluti 
COMUNITA' PAPA GIOVANNI XXIII
fondata da don Oreste Benzi
----------------------------------------------------

 

 
 
 Appello al Papa
Commenti dal sito www.apg23.org
 
Non si può togliere la vita lasciando un'esistenza sola e senza senso né sentimento. Un paese misura il grado di sviluppo della propria democrazia dalle scuole e dalle carceri, quando le carceri siano più scuole e le scuole meno carceri. La pena deve essere un diritto, se sia condanna deve poter essere la condanna a capire e capirsi. L'ergastolo ostativo è ripugnante e indegno per una democrazia del diritto ad essere persone giuste. 
(ProfGiuseppe Ferraro, Docente di Filosofia Univers. Federico II,   Napoli)
 
 
Il fine pena certo e rapportato al reato e alla concreta possibilità di rieducazione e recupero e reinserimento sociale, è un atto di civiltà e di adesione concreta al dettato costituzionale. Battiamoci per la civiltà contro la barbarie e l'oscurantismo!
(Salvatore Bonadonna, Roma Rif. Comun. Ex Senatore XV Legislatura )
 
Non sono credente...ma se lo sono loro, allora, dovreste ascoltarli.
(Patrik Nicotera, Aosta)
 
Non mi ero mai soffermato, a riflettere su cosa significhi per tantissime persone recluse, scontare questa pena a vita senza nessuna speranza di riacquistare la libertà. Grazie, aderisco volentieri al vostro appello.
(Giuseppe Geloso , Castellammare del Golfo )
 
Caro papa sono una sorella di un ergastolano, mi affido al Signore affinchè mia mamma ottantenne possa godersi suo figlio che non vede da tempo, perchè lei non può viaggiare
(Maria Iacovelli, Napoli)
 
Una persona a me molto cara se ne è andata senza potersi sentire nuovamente un uomo libero dopo una condanna a vita; si è liberato così!!
(Lucia Bindi, Montevarchi)
 
La certezza della pena è un conforto per chi è un buon cittadino, ma l'ergastolo è solo la certezza della fine...
(Serena Franchini, Montecatini Terme)
 
Firmo convinto...
(Stefano Saoncella, Padova)
 
Ritengo che l'ergastolo vada superato in quanto è contro l'uomo, a maggior ragione l'ergastolo ostativo.
(Mauro Cavicchioli, Associazione Papa Giovanni XXIII, Mulazzo MS)
 
 
Santo Padre ascolti l'appello di questi fratelli bisognosi
AMEN. Un abbraccio di luce a tutti VOI
(Sabrina Scotti, Cusano Milanino)
 
 
 
Sono pienamente convinta che ognuno di noi abbia il diritto di poter compiere una scelta.
Molte persone compiono delle scelte sbagliate nella propria vita e non si pentono. Altri lo fanno ma non hanno la possibilità di avere un'altra opportunità e questa è VIOLENZA.
Santo Padre le chiedo di fare il più possibile affinchè la pratica dell'ergastolo sia assolutamente cancellata.
Grazie.
(Vanessa Salvi, Rimini)
 
Senza speranza non si può vivere. Che Dio ispiri i legislatori italiani a ridare speranza a coloro che ora sono condannati all'ergastolo.
(Marianne Sormani, Amsterdam)
 
 
FINE PENA MAI è una condanna che non lascia speranza. Tanti anni di carcere invece trasformano le persone, e la società deve riconoscere tutto questo.
Il mio compagno era un ergastolano. Due anni fa le istituzioni (direttore del carcere, psicologa, assistente sociale, educatrice,...) avevano fatto per lui la domanda di grazia al Presidente della Repubblica. A giugno il rigetto. La giustizia in contrapposizione con se stessa. Dov'è andato il valore della rieducazione
? Lui è morto il 12/10/09.
(Renza Pettenon, Sandrigo)
 
Santità, in questo S. Natale depongo nel Suo Cuore Paterno il grido di questi fratelli.
La gioia portata dal Bambino Gesù, possa attraverso la Sua Mediazione,
riversarsi nel dolore di questi fratelli e portare loro un futuro pieno di speranza.
Con gratitudine per quanto vorrà fare per loro.
Dev.mo in Cristo.
(Fr. Roberto Bozzola, O.Cist. MILANO)
 
 
Nessuno è colpevole per sempre
(Francesco Massinelli, Perugia)
 
 
Se la pena è per sempre non esiste perdono!
(Raffaele Ruocco Perugia)
 
 
Insieme per dare voce a chi non ha voce... perchè gliel’ hanno tolta. Insieme per             trovare soluzioni e non per tollerare "non risposte" a problematiche sociali, ovvero per tollerare il carcere così com'è, una realtà che non rieduca, ma annienta. Insieme perché "L'UOMO NON E' IL SUO ERRORE"
(Marinella Larcher, Laives BZ)
 
 
Un appello per una più umana dignità
(Maria, Torino)
 
Siamo con voi
(Francesco Simonetti, Pesaro)
 
Aiutiamo questi uomini senza futuro...
(Commisso Mariangela, Calabria)
 
 
Fate quello che potete... noi da soli non possimo fare niente!!
(Irma Riedler, Berlino)
 
 
Mi piacerebbe che non si facessero più solo "preghiere e parole" ma fatti!
Grazie
(Maria Giovanna Garenna, Cosenza)
 
Farei qualsiasi cosa x dare una speranza a quegli uomini che muoiono lentamente....
(Teresa Ficara, Reggio Calabria)
 
Nessuno uccida la speranza, neppure del più feroce assassino, perché ogni uomo è una infinita possibilità!” (D. M. Turoldo)
(Mita Borghesi Perugia)
 
Vai........e non peccare più........
(Margherita Milazzo, Messina)
 
 
Condivido l'appello degli ergastolani al santo Padre: la pena, per chi ha sbagliato, deve sempre tendere a far sì che "il delinquente non sia più delinquente"; sono sicuro che a questo ha voluto portarci Gesù Cristo, e questo credo sia la convinzione di chiunque ama la giustizia (non la vendetta), anche se non ha conosciuto Gesù Cristo.
(Nicola Radicci, Voghera)
 
Spero con il cuore che quanto si sta facendo arrivi a qualcosa di concreto. Che chi ha il potere si metta una mano sulla coscienza e ridia la vita a questi poveri uomini
(Michelangelo Ciurleo, Rosarso)
 
Sono per l'abolizione dell'ergastolo e di tutte le detenzioni carcerarie disumane. Non solo bisogna dare la possibilità a chiunque di riabilitarsi e pentirsi degli errori fatti, per non rifarli una volta liberi. E non pensiamo alle famiglie dei carcerati? Mogli, mariti e figli sono condannati anche loro per colpe non commesse! E' giustizia questa? Facciamo qualcosa per intervenire subito!!!!!|
(Fabrizio Barbalarga, Roma)
 
Da piccola mi hanno raccontato una bella favola. Quella di un uomo, un rivoluzionario buono che fu crocifisso con i ladri e fece di un traditore il rappresentante della sua chiesa...voglio credere in quella favola. vedere all'opera il bene.
(Clare Holme, Verona)
 
Vivere in una società ' civile significa per me,integrazione e recupero, solidarietà, libertà di pensiero,forse ci si vuole illudere che è più' semplice vivere senza questi valori. Un abbraccio
(Sara  Manca, Simaxis)
 
 
E’ una battaglia di civiltà che vale la pena di combattere, sempre, anche quando sembra che non ci siano orecchie per ascoltare
(Anna Muschitiello)
 
Tutti abbiamo bisogno di una seconda opportunità, finché siamo in vita
(Pamela Iamundo, Bologna)
 
Datemi la possibilità di contribuire....
(Guido Da Todi, Giugliano in Campania)
 
 
Tutti hanno il diritto di ricominciare.....anche dopo un grande errore!!!
(Salvatore Iozza, Roma)
 
 
Aderisco perché ci sia un po’ di giustizia anche per chi perde la vita nelle carceri in regime di ergastolo ostativo. ABOLIAMOLO.
(Luigia, Lecco)
 
 
Sono contro ogni pena di morte e quella lenta delle nostre carceri non è diversa da una sentenza capitale. Chiunque sbagli deve pagare ma deve anche aver la possibilità di essere riabilitato socialmente e psicologicamente.
(Maria Caterina Tosi, Cagliari)
 
Il perdono è di Gesù Cristo e la possibilità riabilitativa (non la pena afflittiva!)è della nostra costituzione.
(Gianluca Forlucci, Perugia)
 
Ridiamo vita e speranza a tutti, ma soprattutto a chi ne è più privo
(Benedetto Alessandro Doni, Bagnolo Piemonte)
 
Tutti hanno diritto a sperare
(Tina Monaco, Salerno)
 
L'unico che può giudicare i nostri atti è Dio..nessun uomo può sostituirsi a lui decidendo quanto tempo un suo fratello deve soffrire, deve vivere o deve espiare le proprie colpe. Il Pentimento è qualcosa che nasce in noi, è un percorso individuale e non qualcosa che deve esser deciso da estranei.
(Monica Corvino, Casalbordino CH)
 
"Io ero nudo: non di vestiti
ma di quella meravigliosa dignità
che è propria di ogni uomo.
Io non avevo una casa:
mi mancava non una casa fatta di mattoni
ma un cuore che capisse,
che perdonasse, che amasse"
Beata Madre Teresa di Calcutta
(Valentina Schiavi, Firenze)
 
Diamo voce alla speranza cristiana per una società ed un mondo migliore
(Gabriele Canu, Perugia)
 
L'ergastolo ostativo è una pena di morte mascherata non previsto dalla Costituzione, democraticamente e umanamente inammissibile.
(Donatella Papi, Roma)
 
Ciò che ho da dire è che la solidarietà costa solo pochi minuti.
Possiamo darci da fare per inviare dei libri, qualche lettera, piccoli segnali per dimostrare che non è giusto chiudere la porta e..gettare via la chiave. Coraggio e Buon Natale comunque..da una non credente ne praticante ma che conosce la Compassione, nel senso più cristiano del termine. Marlene
(Marlene, Cagliari)
 
Dico solo questo: siamo tutti figli di Dio....................
(Sebastiano Trapani, Palermo)
 
Aderisco incondizionatamente a questa lodevole iniziativa in favore di una giustizia che non sia mera vendetta, ma qualcosa di più!
(Alessandro Meli Lupi, Parma)
 
E' una protesta giusta, sia cristianamente sia civilmente
(Corrado Cardelli, Fano)
 
Questa è una dura battaglia ma il carcere deve avere una funzione rieducativa, lo Stato deve aiutarli a reinserirsi nella società... so che è una cosa molto difficile da capire ma dobbiamo guardare oltre il nostro naso...
(Alcaro Sara, Soverato)
 
Sorella di un ergastolano, Crastus Claudio morto il  12Ottobre 1999 all’Ospedale di Firenze e detenuto nel carcere di Sollicciano, nonostante incompatibile con la vita del carcere.
(Cristina Crastus, Ravenna)
 
In un mondo che tende sempre più a separare le coscienze esaltando la cultura dell'apparire e non dell'essere, occorre dare segnali di speranza e fiducia verso una cultura di confronto e solidarietà che punti al recupero anche e soprattutto di chi ha sbagliato. Per farlo occorre dare futuro.
(Giovanni Battista Argenziano)
 
Non ci sono parole sufficienti per commentare le angherie commesse dalle "guardie carcerarie", in servizio ed anche fuori servizio!!! E dai drettori, non tutti per fortuna…
(Giancarlo Zilio, Selvazzano Dentro PD)
 
Credo nella rieducazione dell'individuo. credo nella vita e nel rispetto. credo che la cattiveria possa essere ridimensionata e, con fatica e pazienza, abolita.
Credo nel recupero e nella rieducazione dell'individuo.
(Vania Ruzzi, Pistoia)
 
Aderisco con enorme piacere e convinzione, affinché le anime rinchiuse in un cella potranno avere un altra possibilità x continuare a vivere. Grazie.
(Anna Ecelestino, Reggio Calabria)
 
Secondo me non è giusto, il carcere deve avere una funzione riabilitativa e di reinserimento sociale. l'articolo 27 della costituzione italiana esprime chiaramente questo concetto.
(Teresa Cariati, Perugia)
 
 
L' ergastolo è una pena che toglie la dignità alle persone. Se la funzione del carcere è quella di riabilitare per far "rinascere" il detenuto, e poi non gli offre una possibilità di vita, tutto diventa inutile, paradossale. Lo si condanna a morte vivendo.
Il mio migliore amico era un ergastolano.
(Mariapia Boccaccini, Firenze)
 
Secondo me una punizione deve avere un inizio e una fine. da persona umana penso che non e giusto tenere rinchiuso una persona umana senza dargli la speranza di una fine punizione. Privarlo del sogno di vedere un giorno sorgere il sole il primo sole della fine della sua punizione. Siamo tutti umani , e potrebbe capitare a tutti di sbagliare.
(Tarabella Francesco, Pietrasanta)
 
Anche se le persone sbagliano, non possono essere condannate a vita.
(Lucia Tommasi, Squinzano)
 
 
Non credo che un condannato a vita potrà essere aiutato nel reinserimento in società, quindi sono un cittadino favorevole all’abolizione dell’ergastolo.
(Marco Lamarina, Squinzano)
 
 
Abolire l'ergastolo non è solo un gesto di carità, ma un atto di giustizia.
Non si può essere colpevoli per sempre.
(Antonio)
 
Pensare a quella definizione- fine pena mai- non può essere un qualcosa che rientra in una società compiuta e civile.
(Guido Paniccia- Roma)
 
 
«Chi di voi è senza peccato scagli per primo la pietra» 
(Luca Lorenzi Perugia)
 
Per una giusta giustizia
(Maria Sangermano,  Ascoli Piceno)
 
 
La certezza della pena dovrebbe corrispondere alla certezza del riscatto... così come la certezza della morte si accompagna alla certezza della resurrezione... com'è certo che alla notte nera segue sempre l'alba rosea. 
(Marina Salvatore, Voce di Megaride, Napoli)
 
 


Domenica 31 Gennaio,2010 Ore: 16:21
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Pianeta Carcere

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info