- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (1780) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org LA NOSTRA ACQUA E’ IN PERICOLO,Primo firmatario Alex Zanotelli

Appello
LA NOSTRA ACQUA E’ IN PERICOLO

Primo firmatario Alex Zanotelli

Per aderire all'appello vai in fondo alla pagina
Leggi le adesioni
Cittadini napoletani e campani,
siete a conoscenza che i nostri politici in Campania stanno svendendo la nostra acqua ai privati?
Questo, nonostante il Referendum sull’acqua del 2011 che ha deciso la gestione pubblica e partecipata dell’acqua. E nonostante che la Corte Costituzionale abbia dichiarato che i referendum sono “attuabili sin da subito”.
A tutt’oggi non c’è stata l’abolizione del profitto dalle nostre bollette, né c’è stata la ripubblicizzazione del servizio idrico, fuorché a NAPOLI, unico comune in Italia ad aver ripubblicizzato trasformando l’Arin Spa in ABC Napoli, Azienda Speciale che non ha scopo di lucro.
Purtroppo ABC Napoli, sebbene sia a gestione pubblica, ha bisogno di essere messa in sicurezza. Ciò significa che è necessaria la firma di un ‘contratto’ tra l’Ambito Territoriale Ottimale 2 e ABC azienda speciale, richiesto dal Comitato Acqua Pubblica Napoli molte volte in questi due anni. Al momento però il dirigente regionale Palmieri ha espresso “parere sfavorevole alla suddetta richiesta di affidamento”, e contemporaneamente la Giunta Caldoro ha varato un Disegno di Legge Regionale per il Riordino del Servizio Idrico Integrato (Ddl 204/13) che va a esclusivo favore dei privati (Gori Spa, Acquedotti Scpa, Ottogas,…) a discapito del pubblico (A.S. ABC Napoli); infatti in questo disegno di legge si ipotizza l’individuazione di un’ unica Agenzia che gestirebbe l’acqua in Campania e che sarebbe affidata all’unico gestore che al momento ha il ‘contratto’, ovvero Gori spa.
E’ il tradimento del Referendum del 2011!
Opponiamoci insieme a questo progetto pericoloso, sosteniamo il bene comune nel rispetto dei Referendum che avevano sancito: fuori l’acqua dal mercato e niente profitto sull’acqua.
E intanto le nostre bollette sull’acqua, soprattutto in area vesuviana/sarnese, gestita da Gori spa, continuano vergognosamente ad aumentare.
Noi del Coordinamento Comitati Acqua Napoli, CI STIAMO, E TU?
Napoli, 12 Giugno 2014
FIRMA:
Per il rispetto del Referendum
Per il Diritto all’acqua
Perché l’Acqua è Vita!
Seguono firme (singole):
Alex Zanotelli
(in aggiornamento le altre firme)




Giovedì 19 Giugno,2014 Ore: 09:21
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Appelli

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info