- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (346) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org MENTONO SAPENDO DI MENTIRE,di Il "Centro di ricerca per la pace" di Viterbo

MENTONO SAPENDO DI MENTIRE

di Il "Centro di ricerca per la pace" di Viterbo

Mentono sapendo di mentire quei pubblici amministratori viterbesi che sostengono che la direttiva europea sull'arsenico non e' stata recepita nell'ordinamento italiano.

E' vero il contrario: in realta' essa e' effettualmente vigente da anni, ma la Regione Lazio aveva ottenuto per gli anni scorsi una deroga (concessa al fine e alla condizione di effettuare tempestivamente gli interventi necessari a rientrare nel parametro europeo): deroga che essendo ora venuta a scadenza giustamente non e' stata piu' rinnovata.

Cosicche' chi continua a dichiarare ammissibile ed accettabile l'esorbitante presenza di arsenico nelle acque destinate al consumo umano in tanta parte della provincia di Viterbo e' un mentitore, un irresponsabile e un avvelenatore.

Come e' un mentitore, un irresponsabile e un avvelenatore chi continua a negare con arzigogolati e grotteschi sofismi l'evidenza scientifica della dimostrata estrema tossicita' dell'arsenico.

Cosi' come e' un complice dei mentitori, degli irresponsabili e degli avvelenatori chi continua a cianciare di "inutili allarmismi" e nasconde alla popolazione la gravita' della situazione.

*

Occorre che il teatrino delle meraviglie dei mentitori di professione e degli avvelenatori per vocazione cessi immediatamente.

Occorre che immediatamente si rispetti almeno il parametro stabilito dall'Unione Europea: ovvero che nelle acque potabili la presenza di arsenico non sia superiore a 10 microgrammi per litro.

Occorre che immediatamente i sindaci emettano ordinanze di non potabilita' per le acque in cui la presenza di arsenico supera i 10 microgrammi/litro.

Ed occorre che si proceda con la massima tempestivita' e accuratezza (tecnologie adeguate ed efficaci sono da tempo disponibili) a dearsenificare del tutto le acque destinate al consumo umano.

*

Come ha scritto la sezione provinciale di Viterbo della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale:

"a) si faccia divieto di uso per consumo umano di acqua contenente arsenico e si provveda laddove occorra a forme alternative di approvvigionamento di acqua potabile per la popolazione, in particolare per i neonati, i bambini, i malati e le donne in gravidanza, e le industrie alimentari;

b) si dia la piu' ampia e diffusa informazione agli operatori sanitari e alla popolazione in merito a questa situazione;

c) si adottino immediatamente tutti i provvedimenti necessari a dearsenificare l'acqua destinata a consumo umano".

*

Ed occorre, infine, che le competenti magistrature intervengano per verificare la correttezza e l'adeguatezza della condotta dei pubblici amministratori e funzionari che hanno occultato la realta', ovvero disinformato o esplicitamente ingannato la popolazione; come quelli che istituzionalmente investiti del compito di far rientrare le acque destinate al consumo umano nel parametro stabilito dall'Unione Europea nel corso degli ultimi anni non hanno operato correttamente e adeguatamente in tal senso, o addiritura hanno omesso del tutto qualunque intervento a tutela della salute della popolazione del territorio di competenza.

 

Il "Centro di ricerca per la pace" di Viterbo

 

Viterbo, 5 dicembre 2010

 

Mittente: Centro di ricerca per la pace

strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo

e-mail: nbawac@tin.it

web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/



Domenica 05 Dicembre,2010 Ore: 16:09
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Ambiente

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info