- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (325) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org WOJTYLA E' ANCORA "VIVO", MA RATZINGER E' GIA' "MORTO". E IL MORTO VUOL FAR PRESA SUL VIVO!!! LA MEMORIA DI GIOVANNI PAOLO II LEGATA AL CARRO DI "MAMMONA". Una unzione poco spirituale. Una nota di Filippo Gentiloni, con appunti,a c. di Federico La Sala

"DEUS CARITAS EST" (BENEDETTO XVI, 2006). DOPO WOJTYLA, LA CHIESA SULLA STRADA DELLA CIVILTA’ DELL’AMORE ("Charitas")? NO!!! SU QUELLA DEL DIO DEGLI AFFARI ("Mammona" = "Caritas") E DI "MAMMASANTISSIMA" (quella delle "tre scimmiette")!
WOJTYLA E' ANCORA "VIVO", MA RATZINGER E' GIA' "MORTO". E IL MORTO VUOL FAR PRESA SUL VIVO!!! LA MEMORIA DI GIOVANNI PAOLO II LEGATA AL CARRO DI "MAMMONA". Una unzione poco spirituale. Una nota di Filippo Gentiloni, con appunti

(...) i festeggiamenti di questi giorni appaiono ambigui. Anche perché Roma mentre accoglie a braccia aperte centinaia di migliaia di pellegrini cattolici, rifiuta qualche decina di profughi africani musulmani (...)


a c. di Federico La Sala

Appunti sul tema (cliccare sui titoli, per leggere i testi) 

LA QUESTIONE MORALE, QUELLA VERA - EPOCALE. AL GOVERNO DELLA CHIESA UN PAPA CHE PREDICA CHE GESU’ E’ IL FIGLIO DEL DIO "MAMMONA" ("Deus caritas est") E AL GOVERNO DELL’ **ITALIA** UN PRESIDENTE DI UN PARTITO (che si camuffa da "Presidente della Repubblica") e canta "Forza Italia", con il suo "Popolo della libertà" (1994-2010).

INDIETRO NON SI TORNA: GIOVANNI PAOLO II, L’ULTIMO PAPA. PER IL DIALOGO A TUTTI I LIVELLI: UT UNUM SINT. Un omaggio a WOJTYLA: UN CAMPIONE "OLIMPIONICO", GRANDISSIMO. W o ITALY !!!

PER UNA SVOLTA ANTROPOLOGICO-TEOLOGICA...   ALLE RADICI DELLA BELLICOSA POLITICA DEL VATICANO. LA GUERRA NELLA TESTA DELLA GERARCHIA DELLA CHIESA CATTOLICO-ROMANA E L’INDICAZIONE ’DIMENTICATA’ DI GIOVANNI PAOLO II.  (FLS)

_________________________________________________________________

 Fu vera gloria? Una unzione poco spirituale

di Filippo Gentiloni (il manifesto, 30 maggio 2011)

Roma è invasa dalla figura sorridente e accattivante di Papa Giovanni Paolo II che viene ufficialmente dichiarato "beato". Il Vaticano gli attribuisce questo "titolo" e la pubblicità ne approfitta. Ma i problemi rimangono: la pubblicità non li risolve, anzi li ingigantisce. Fu vera gloria? Molti oggi se lo chiedono. Il Vaticano, d’altronde, sembra approfittare della celebrazione per rafforzare la sua immagine nel mondo, in un momento certamente difficile.

Per molti motivi. Tutte le religioni non godono vita tranquilla e serena, neppure il cattolicesimo. Difficoltà dei rapporti con gli altri cristianesimi e con l’islam. Difficoltà anche interne: molte defezioni e grande corruzione diffusa. Lo stesso sacerdozio è in crisi quasi dovunque. Ben vengano, dunque, le celebrazioni in onore di una papa simpatico e recente.

Anche se non mancano motivi di ambiguità e di incertezza. Li sottolinea la stessa pubblicità che domina la situazione in questi giorni. E’ noto che la pubblicità è ben poco evangelica. La domina e la controlla il denaro. Dovrebbe essere espressione della verità, ma, purtroppo, non è così. Lo possiamo verificare anche in questi giorni, quando un pontefice e un pontificato sono soggetti non tanto alla verità quanto al denaro. Un mondo di una efficacia ben poco evangelica. Di una figura e di unzione tutt’altro che spirituale che approfitta e che piega addirittura la memoria di un pontefice ai bisogni del grande capitale. E’ difficile dire se e come potrebbe essere diversamente.

Ai condizionamenti imposti dal denaro si devono aggiungere anche quelli imposti dalla società civile: una beatificazione, comunque intesa, giova anche alla società. Anche qui funziona quella "civil religion" che è ormai diventata prassi comune, cattolica e non soltanto. Il sorriso di un pontefice è certamente utile al benessere di tutti e alla civiltà di una società civile, contro le rivoluzioni, gli estremismi e le divisioni. Non a caso lo stesso papa Giovanni Paolo aveva combattuto contro gli estremismi religiosi dei tentativi cristiani della teologia della liberazione, soprattutto in America Latina.

Per tutti questi motivi i festeggiamenti di questi giorni appaiono ambigui. Anche perché Roma mentre accoglie a braccia aperte centinaia di migliaia di pellegrini cattolici, rifiuta qualche decina di profughi africani musulmani.



Sabato 30 Aprile,2011 Ore: 16:12
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Dottrina della fede secondo Ratzinger

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info