- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (221) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org MESSA DI NATALE E VITA NUOVA. LA LEZIONE RIMOSSA DI GIOVANNI PAOLO II: UN’OMELIA INEDITA DI KAROL WOJTYLA A NOWA HUTA NEL 1973. "La Polonia comunista e un tetto a lungo negato a Gesù". Con alcuni appunti,a c. di Federico La Sala

MEMORIA DEL NATALE DI GESU’, DEL FIGLIO DELL’AMORE ("CHARITAS") DI GIUSEPPE E DI MARIA, NON DEL FIGLIO DEL "DIO" ("CARITAS") DELLA CHIESA AF-FARAONICA E COSTANTINIANA !!!
MESSA DI NATALE E VITA NUOVA. LA LEZIONE RIMOSSA DI GIOVANNI PAOLO II: UN’OMELIA INEDITA DI KAROL WOJTYLA A NOWA HUTA NEL 1973. "La Polonia comunista e un tetto a lungo negato a Gesù". Con alcuni appunti

(...) nella notte di Betlemme gli angeli, che svegliarono i pastori, i quali accolsero la Buona Novella. Questi si recarono al luogo indicato e trovarono in una stalla, ovvero in una grotta, ciò che gli avevano annunciato gli angeli: trovarono un bambino nato, fra le braccia della madre e di san Giuseppe, protettore di questo mistero della nascita di Gesù (...)


a c. di Federico La Sala

L’INDICAZIONE E LA LEZIONE DIMENTICATA E RIMOSSA DA PAPA RATZINGER:

PER UNA NUOVA TEOLOGIA E PER UNA NUOVA CHIESA. 
-  L’INDICAZIONE DI GIOVANNI XXIII E DI GIOVANNI PAOLO II: LA RESTITUZIONE DELL’ANELLO DEL PESCATORE A GIUSEPPE. 
-  Il loro successore ha il cuore di pietra e se lo tiene ben stretto. 
-  Per lui Dio è Valore e tutto ha un caro-prezzo ("Deus caritas est")!!!

LA CHIESA DEL SILENZIO E DEL "LATINORUM". Il teologo Ratzinger scrive da papa l’enciclica "Deus caritas est" (2006) e, ancora oggi, nessuno ne sollecita la correzione del titolo. Che lapsus!!! O, meglio, che progetto!!! 

NATALE, MA DI QUALE GESU’?! E’ NATO IL RE, IL "FIGLIO PRIMOGENITO" DELL’AMORE ("CHARITAS") DI MARIA E GIUSEPPE ("DUE GIOVANI COLOMBI") O DELL’AMORE ("CARITAS") DI PAPA RATZINGER E DELLA MADRE CHIESA CATTOLICO-IMPERIALE. La Buona-Notizia di Luca (2, 1-24)

 Cattolicesimo, fascismo, nazismo, comunismo: il sogno del "regno di ‘dio’" in un solo ‘paese’ è finito. UN NUOVO CONCILIO, SUBITO! Il cardinale Martini, dalla “città della pace”, lo sollecita ancora!!! 95 TESI? NE BASTA UNA SOLA! - Federico La Sala

____________________________________________________________________

UN’OMELIA INEDITA A NOWA HUTA NEL NATALE 1973

Wojtyla. La Polonia comunista e un tetto a lungo negato a Gesù

Per il regime, nei nuovi quartieri di Cracovia non dovevano esserci chiese: così il giovane cardinale celebrava la messa di Natale a cielo aperto. Finché non l’ebbe vinta

di Karol Wojtyla *

Oggi a mezzanotte tutta la Chiesa nel mondo intero - su tutta la faccia della terra - dà di nuovo il benvenuto al salvatore del mondo, che è nato a Betlemme. Lo saluta il Santo Padre celebrando a quest’ora la messa di mezzanotte nella basilica di San Pietro. Lo salutano i vescovi in tutti i Paesi su ogni continente del mondo. Lo saluta la Chiesa di Cracovia qui a Nowa Huta. Da diversi anni si è consolidata una tradizione che, non nella cattedrale di Wawel, ma proprio qui, a Nowa Huta, il vescovo della Chiesa di Cracovia viene per vivere la notte di Natale e celebrare la messa di mezzanotte assieme alla comunità cattolica di questa nuova città, la nuova Cracovia. Per diversi anni ho celebrato la messa di mezzanotte nella parrocchia di Nowa Huta-Bienczyce, finché non è iniziata la costruzione della chiesa.

Quando ormai quella chiesa ha iniziato a prendere forma, ci siamo spostati con la messa di mezzanotte qui, a Mistrzejowice e la celebriamo - come ricordate - così come due anni fa in questo luogo, in cui ha preso inizio la vostra nuova comunità parrocchiale. L’anno scorso ho celebrato a Wzgórza Krzeslawickie e anche oggi mi sono recato là per salutare quei parrocchiani. Invece qui sono venuto per celebrare la messa di mezzanotte a Mistrzejowice, in un nuovo luogo, in questa nuova situazione, per dare il benvenuto al Signore Gesù, in mezzo al popolo di Dio nella parrocchia di Mistrzejowice, come lo accolsero nella notte di Betlemme gli angeli, che svegliarono i pastori, i quali accolsero la Buona Novella.

Questi si recarono al luogo indicato e trovarono in una stalla, ovvero in una grotta, ciò che gli avevano annunciato gli angeli: trovarono un bambino nato, fra le braccia della madre e di san Giuseppe, protettore di questo mistero della nascita di Gesù.

Cari fratelli e sorelle! Tutti noi siamo i seguaci di quei pastori. Tutti noi questa notte sentiamo la stessa Buona Novella. E non ci dispiace dedicare il tempo, le ore, anche se non sono molto comode queste assemblee sotto il cielo aperto. Arriviamo alla nostra Betlemme, per trovare qui il Signore Gesù. Ed ecco, lo troviamo. Lo troviamo con gli occhi della fede, vediamo come nasce sull’altare nel mistero della nascita eucaristica che rinnova il Natale. E lo vediamo così come nasce nell’Eucaristia, nasce anche nelle nostre anime.

Il Natale è per ogni uomo; Dio nasce come uomo, affinché in ogni corpo umano nasca Dio e ogni uomo possa condurre una vita divina; conducendo la vita con Dio, possa rinascere ogni anno, finché nasce per l’eternità, quando finisce questa vita sulla terra. Ecco il mistero di Natale: così lo accogliamo, tali prospettive apre davanti a noi. Guidati dalla luce della notte di Betlemme veniamo ogni anno e veniamo oggi per dare il benvenuto a Gesù Cristo che nasce in questo mistero.

Cari fratelli e sorelle! Assieme a voi, assieme a Nowa Huta, non so quante volte, come vescovo di questa antica, millenaria Chiesa di Cracovia, la quale ha come santo patrono san Stanislao vescovo e martire - che inoltre quest’anno celebra i cinquecento anni della morte di san Giovanni Canzio, proprio il giorno 24 dicembre in questa notte di Betlemme - assieme a voi, come vescovo della Chiesa di Cracovia, con venerazione accolgo Gesù Cristo nascente, il Figlio di Dio, il nostro salvatore. Noi veniamo qui per Gesù. Per Gesù noi cerchiamo un tetto. È una storia che si protrae da molti anni.

Nowa Huta ha cominciato a scrivere questa storia sulla terra polacca. Assieme a voi ho cercato un tetto per Cristo, che deve nascere non solo la notte di Betlemme, ma anche quotidianamente e ogni domenica, ogni giorno dell’anno. E possiamo dirci che questa nostra ricerca non rimane del tutto vana. Grazie a Dio la chiesa a Bienczyce ha acquisito il tetto, grazie a Dio a Mistrzejowice siamo usciti da quella baracca ’microscopica’ e già si disegna la forma di una nuova chiesa, ormai ci troviamo sul suo territorio.

Abbiamo fiducia che anche la comunità cristiana a Wzgórza Krzeslawickie, con la propria tenacia, con la propria fedeltà a Cristo, e tramite questa stessa messa di mezzanotte celebrata dal vescovo, implorerà e conquisterà un tetto per Gesù, il quale anche lì dovrebbe nascere. E per tutto ciò vi ringrazio, cari parrocchiani di Nowa Huta, desidero esprimere questa notte un cordiale ringraziamento. Vi ringrazio perché in queste sollecitudini il vostro pastore d’anime non era mai da solo. Vi ringrazio perché in queste sollecitudini per il tetto di Gesù e per il suo popolo, il vostro vescovo non era mai da solo: sempre siamo stati insieme, in questa unità siamo stati la forza del popolo di Dio, la forza della Chiesa, la quale è il popolo di Dio, comunità dei fedeli, comunità di Cristo, comunità di Betlemme, comunità del Cenacolo, del Calvario, della Pentecoste, comunità di duemila anni e comunità di questa nostra odierna notte di vigilia, nella quale di nuovo diamo il benvenuto al Signore Gesù nella vostra parrocchia di Mistrzejowice.

Cari fratelli e sorelle, vi auguro che questa notte il Signore Gesù nasca di nuovo in ciascuno dei vostri cuori; che nasca di nuovo e più profondamente, che maturi; che le anime maturino con questo Natale. Vi auguro che nasca di nuovo nelle vostre famiglie cristiane; e vi auguro che nasca nella vostra parrocchia, che nasca assieme a questa chiesa, la quale qui deve cominciare a edificarsi dai prossimi mesi dell’anno nuovo. Ciò vi auguro con tutto il mio cuore

* L’ANTICIPAZIONE

Messe in piazza contro il regime

Anticipiamo in queste colonne l’omelia inedita pronunciata dal cardinal Wojtyla a Natale del 1973 a Mistrzejowice, raccolta da Interlinea in La notte della luce. Pagine e omelie di Natale (pagine 132, euro 8,00). Mistrzejowice era un distretto di Nowa Huta, il sobborgo di Cracovia costruito dal regime comunista senza che fossero previste chiese; come già fatto nei distretti (ognuno dei quali eretto a parrocchia) contigui di Bienczyce e Wzgórza Krzeslawickie, per ottenere la costruzione di un edificio religioso Wojtyla nel 1973 diede appuntamento ai fedeli la notte di Natale in uno spazio a cielo aperto: il regime dovette piegarsi.

* Avvenire, 12.12.2010



Domenica 12 Dicembre,2010 Ore: 16:59
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Dottrina della fede secondo Ratzinger

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info