- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (210) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Sud Sudan. Le chiese chiedono la fine di un conflitto insensato e senza giustificazioni,di Agenzia NEV del 22/04/2015

Sud Sudan. Le chiese chiedono la fine di un conflitto insensato e senza giustificazioni

di Agenzia NEV del 22/04/2015

  Ad Addis Abeba una consultazione promossa dal CEC e dal Consiglio delle chiese sud sudanesi


Roma (NEV), 22 aprile 2015 - Venti rappresentanti ecclesiastici del Sud Sudan si sono ritrovati ad Adiss Abeba (Etiopia) per parlare di pace. Da sedici mesi ormai quello che è il più giovane stato africano è dilaniato da un cruento e, nella definizione dei religiosi, “insensato” conflitto interno che non sembra trovare sbocchi. I colloqui di pace sono infatti ad un punto morto. “Il popolo del Sud Sudan continua a soffrire. Il trauma di decenni di conflitti non è stato affatto guarito: se possibile è stato addirittura acuito”, è la denuncia dei responsabili delle chiese, convocati a questa consultazione per iniziativa del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) in collaborazione con il Consiglio delle chiese del Sud Sudan. La secessione dal Sudan non ha portato pace a queste terre in gran parte abbandonate all'anarchia, devastate dalla voglia di vendetta e dal tribalismo crescente. “E' urgente portare una pace giusta in Sud Sudan”, ha affermato il segretario generale del CEC, pastore Olav Fykse Tveit, nel discorso inaugurale della consultazione, nel quale ha anche notato come “le chiese e i loro leader possano giocare un ruolo significativo nel costruire la pace”. Ciò che è emerso dall'incontro è che le chiese considerano il conflitto “senza giustificazioni morali. Non c'è alcuna ragione perché si continui a combattere e a uccidere – ha ribadito il pastore presbiteriano Peter Gai Lual, presidente del Consiglio delle chiese del Sud Sudan -. I combattimenti devono terminare immediatamente e solo allora le questioni politiche potranno essere affrontate in modo sensato. Noi siamo ambasciatori di pace e inviati da Dio per la riconciliazione”.

L'incontro di Addis Abeba è stato ospitato dal patriarca Abune Matthias della Chiesa ortodossa etiope Tewahedo, dall'arcivescovo di Axum e Echegue, dal cardinale Abune Berhaneyesus della Chiesa cattolica etiope, e dal pastore Wakseyoum Idosa presidente della Chiesa evangelica etiope Mekane Yesus. La delegazione sud sudanese si è anche incontrata con il primo ministro dell'Etiopia, Hailemariam Desalegn.
NEV - Notizie Evangeliche, Servizio stampa della Federazione delle chiese evangeliche in Italia - via Firenze 38, 00184 Roma, Italia tel. 064825120/06483768, fax 064828728, e-mail: nev@fcei.it, sito web: http://www.fcei.it .


Domenica 26 Aprile,2015 Ore: 10:27
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Notizie Ecumeniche

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info