- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (281) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org A livello mondiale un diritto fondamentale sempre più violato,di Agenzia NEV del 15/01/2014

Libertà religiosa
A livello mondiale un diritto fondamentale sempre più violato

di Agenzia NEV del 15/01/2014

E' quanto scaturisce dai dati del nuovo Rapporto del Pew Research Forum


Roma (NEV), 15 gennaio 2014 - Il 74% della popolazione mondiale è esposta ad alti livelli di ostilità da parte di singoli o gruppi della società, che di fatto limitano l'esercizio della libertà religiosa. Si tratta della più alta percentuale negli ultimi sei anni. Sul fronte invece delle restrizioni governative il 64% dell'umanità vive in paesi che limitano fortemente o impediscono addirittura la libertà religiosa e di coscienza. E' quanto scaturisce dall'ultimo rapporto dell'autorevole Pew Research Center reso pubblico ieri e che verrà presentato domani alle Nazioni Unite. Le percentuali così alte dipendono dal fatto che i paesi con il più alto tasso di ostilità e restrizioni sono anche tra i più popolosi: figurano sulla black list paesi come Cina, India, Pakistan, Russia, Indonesia.
Nell'ultimo anno preso in esame - i dati si riferiscono al 2012 - il numero di paesi con un tasso molto alto di ostilità sociale contro minoranze religiose è salito a 20, rispetto ai 14 dell'anno precedente e registra un record negativo. A questa lista nel 2012 si sono aggiunti Siria, Libano, Sri Lanka, Bangladesh, Thailandia, Burma. Ma i nuovi dati mostrano un aumento considerevole delle limitazioni di questo diritto fondamentale anche nei paesi mediorientali e nordafricani, complici soprattutto gli sviluppi socio-politici sopraggiunti in seguito alle primavere arabe. Inoltre, è aumentato anche il numero di governi che hanno stretto le maglie al libero esercizio di questo diritto umano fondamentale. Da quest'anno figurano tra quelli con le più alte restrizioni anche Azerbaijan, Tagikistan, Marocco, Iraq e Kazakistan.
I due indici presi in esame - quello delle ostilità sociali e quello delle restrizioni governative - guardano anche all'incidenza delle intimidazioni, persecuzioni o violazioni contro specifici gruppi religiosi. Pertanto, secondo i dati raccolti dal Pew Research Center, i cristiani nel 2012 hanno subito qualche forma di maltrattamento in 110 paesi del mondo, seguono i musulmani che ne sono vittima in 109, poi gli ebrei in 71, e via via sikh, baha'i, indù, buddisti, e comunque, non c'è comunità religiosa che non sia discriminata o perseguitata almeno in qualche parte del mondo.
I paesi più virtuosi in fatto di libertà religiosa sono il Giappone, il Brasile e il Sudafrica, mentre l'Italia si colloca insieme a Gran Bretagna, Francia e Germania, nella casella con "ostilità sociali alte" e "restrizioni governative moderate". (Per scaricare il rapporto in lingua inglese: http://www.pewforum.org/2014/01/14/religious-hostilities-reach-six-year-high/ ).
NEV - Notizie Evangeliche, Servizio stampa della Federazione delle chiese evangeliche in Italia - via Firenze 38, 00184 Roma, Italia tel. 064825120/06483768, fax 064828728, e-mail: nev@fcei.it, sito web: http://www.fcei.it .


Sabato 18 Gennaio,2014 Ore: 19:31
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Notizie Ecumeniche

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info