- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (229) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org TELEGRAFO,di Agenzia NEV del 23/10/2013

TELEGRAFO

di Agenzia NEV del 23/10/2013

(NEV) - A cavallo del 31 ottobre, Festa della Riforma, per la prima volta si terrà la "Settimana del libro protestante". Si tratta di un'iniziativa dell'editrice Claudiana, tesa ad avvicinare le chiese evangeliche ai libri pubblicati dalla stessa casa editrice protestante. Una ventina le comunità battiste, metodiste, valdesi e luterane che hanno aderito all'iniziativa e che in varie località della penisola proporranno momenti di incontro e dibattito intorno a libri protestanti. Spiega il presidente dell'editrice Claudiana Andrea Ribet: "La Claudiana ha un ventaglio di pubblicazioni abbastanza ampio; noi riteniamo che per parlare di libro protestante non si debba pensare esclusivamente a pubblicazioni su temi della Riforma o della teologia. Libro protestante è anche quello che tratta temi etici, sociali e politici del nostro tempo, argomenti che aiutino in qualche modo a riflettere sulle questioni di fondo che ci interpellano come persone, come credenti nel nostro rapporto con Dio e con il prossimo, ovviamente nella consapevolezza del principio della sola grazia".
(NEV) - La scorsa assemblea annuale dell'Associazione "31 Ottobre per una scuola laica e pluralista, promossa dagli evangelici italiani" svoltasi a Milano il 20 ottobre, ha riconfermato alla carica di presidente Silvana Ronco. Sono stati riconfermati i consiglieri Luciano Zappella, Daniel Noffke, Elisabetta Würzburger Pagano e Maurizia Nichelatti, mentre nel Comitato direttivo è entrato Paolo De Prai. Particolare attenzione è stata posta sull'ora alternativa all'Insegnamento della religione cattolica (IRC) e sulla necessità di rispettare la norma vigente in merito. Tanti ancora i problemi, dalla tempistica di consegna della modulistica, fino all'adozione dei libri di testo “alternativi”, spiega la presidente Ronco, che in generale constata "molte 'zone d'ombra' attorno alla libera scelta alternativa, sia in capo alle famiglie che alle istituzioni scolastiche”. Pertanto la 31 Ottobre ha ribadito la necessità di richiedere al Ministero dell'Istruzione, dell'università e della ricerca di fare chiarezza in merito al percorso alternativo all'IRC.
(NEV) - “Corpi tra sacro e profano”: con questo titolo il 25 ottobre si terrà a Roma un Convegno dell'Associazione UVA-universolatro e della Fondazione "Benvenuti in Italia" conclusivo dell'omonimo progetto che ha visto il sostegno del Dipartimento del Consiglio dei Ministri per le Pari Opportunità. La mattinata sarà dedicata ai risultati del progetto che ha coinvolto una dozzina di seconde classi delle elementari nella periferia di Roma, progetto volto a garantire ai bambini gli strumenti conoscitivi e critici per approcciare alla diversità culturale e religiosa senza stereotipi, prevenendo possibili situazioni di razzismo, xenofobia, o emarginazione, in particolare nei confronti delle scelte femminili, come ad esempio l’adozione del velo islamico. Il pomeriggio invece prevede una tavola rotonda sul ruolo del pluralismo religioso negli spazi pubblici e sul ruolo della politica nell’ambito della formazione e dell’educazione alla cittadinanza. Interverranno: l'on. Davide Mattiello, presidente di "Benvenuti in Italia"; Maria Chiara Giorda, storica delle religioni; Valeria Fabretti, sociologa dell’educazione. Dalle 10.30 presso la Sala della Mercede della Camera dei deputati, in via della Mercede 55.
(NEV) - Per la XXIII edizione del progetto “Fiori di pace” - un programma di educazione alla pace promosso dalla rivista Confronti e, per Roma e Provincia insieme, dall’Associazione Figli di Abramo-Amici della pace - sono giunti in Italia dieci ragazzi, cinque israeliani e cinque arabo-israeliani, per affrontare insieme e in un paese neutrale, il tema del conflitto israelo-palestinese. Il programma di incontro tra adolescenti israeliani, palestinesi e italiani per la promozione del dialogo e il confronto delle esperienze di vita personali è finalizzato alla conoscenza e alla comprensione del punto di vista dell’altro e all’individuazione di strategie non violente nella gestione di situazioni conflittuali. Tra le attività dei giovani, presentate oggi in conferenza stampa presso la Camera dei Deputati: workshop, incontri con coetanei italiani, conferenze. “Certo, 'Fiori di pace' non è un progetto che riguarda le masse – ha spiegato lo psicologo Mustafa Qossoqsi, arabo israeliano, coideatore del progetto –. Ma è un’esperienza che i ragazzi porteranno dentro di sé per la vita, che al loro rientro diffonderanno nei territori, dove spesso vivono una realtà insostenibile anche per il loro sviluppo psicologico".
(NEV/VE) - Il termine “Allah” deve poter essere usato, per indicare il divino, da tutte le religioni presenti in Malesia, e non solo dai musulmani. È quanto sostiene anche l’organizzazione di aiuto allo sviluppo evangelica elvetica Missione 21, reagendo alla sentenza della Corte di Appello malesiana che vieta ai cristiani l’utilizzo del termine “Allah” nei loro testi. La decisione dei giudici che ribalta la sentenza in primo grado poiché “l’uso della parola ‘Allah’ da parte dei cristiani crea confusione tra le comunità”, potrebbe alimentare nuove tensioni e divisioni. I cristiani malesi hanno già annunciato un nuovo appello. Nel frattempo, hanno affermato, continueranno a usare la parola “Allah” nelle chiese e nelle liturgie, come fanno da centinaia di anni, e com’è scritto nei testi religiosi in lingua malesiana.
(NEV) – In occasione dei 150 anni di presenza battista in Italia esce il libro di Marco Stretti “La missione della Spezia per l'Italia nelle parole dei protagonisti” (ed. youcanprint; pagg. 230, euro 14.90; ebook euro 2.90). Il libro racconta la storia di Edward Clarcke e di A.E Pullen, i due predicatori inglesi che sono all'origine della prima chiesa battista italiana, quella fondata nel 1866 a La Spezia. Come scrive il pastore Raffaele Volpe, presidente dell'Unione cristiana evangelica battista d'Italia (UCEBI): “Centocinquant'anni fa per l’Italia si aggiravano alcuni missionari inglesi. Attraverso la loro consacrazione a Dio e al disegno di evangelizzare l’Italia, hanno posto le prime pietre del sentiero del battismo italiano. Oggi la nostra celebrazione si arricchisce di questo bel lavoro di Marco Stretti che compie l’operazione più semplice e complessa che si possa immaginare: restituirci le parole vive di quegli uomini” (www.youcanprint.it).
NEV - Notizie Evangeliche, Servizio stampa della Federazione delle chiese evangeliche in Italia - via Firenze 38, 00184 Roma, Italia tel. 064825120/06483768, fax 064828728, e-mail: nev@fcei.it, sito web: http://www.fcei.it .


Venerdì 25 Ottobre,2013 Ore: 21:45
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Notizie Ecumeniche

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info