- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (229) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org TELEGRAFO,di Agenzia NEV del 25/06/2013

TELEGRAFO

di Agenzia NEV del 25/06/2013

(NEV) - Il Centro sociale “Casa Mia- Emilio Nitti”, l'opera metodista di azione sociale nel quartiere napoletano di Ponticelli, ha subito per la terza volta un furto con scasso. I ladri, penetrati nell'edificio del Centro, hanno trafugato strumenti di lavoro, computer, un videoproiettore e le casse per l’amplificazione. “Tra pochi giorni avrà inizio il campo estivo internazionale 2013 per sessanta bambini del quartiere per lo svolgimento del quale purtroppo non potremo avvalerci delle attrezzature rubate”, ha spiegato il direttore del Centro, Salvatore Cortini (www.casamianitti.it).

(NEV) - Un cristiano, un musulmano, un ateo, un ebreo e un agnostico si preparano per fare il giro del mondo. Non è una barzelletta, tant'è che il 1° luglio il gruppo di 5 giovani francesi dell'associazione Coexister partirà ufficialmente da Parigi per il primo "Inter faith tour" della storia! Un giro interreligioso del mondo che non sarà in 80 giorni, ma in un anno, con soste nei luoghi più significativi delle maggiori religioni mondiali. Prima tappa Israele e i territori palestinesi per i 5 pellegrini globetrotter Samuel Grzybowski, Soufiane Torkmani, Rafaella Scheer, Victor Grezes e Josselin Rieth riuniti da una sola parola d'ordine: "Non si tratta di giungere ad un accordo su quanto crediamo, ma di praticare la stessa fede nella pace". I ragazzi, la cui esperienza sarà tracciabile giorno per giorno dal sito interfaithtour.com, saranno in Italia dal 13 al 20 settembre e sono aperti a proposte di incontri e di dialogo. Motto dell'associazione Coexister che conta 300 iscritti è "Diversità nella fede, unità nell'azione!"

(NEV/ WCC) – La Rete ecumenica per i diritti delle persone disabili (EDAN) produrrà un secondo documento sulla partecipazione delle persone con disabilità alla vita delle chiese. Lo hanno deciso a fine maggio i teologi ed ecumenisti riuniti a Elspeet (Paesi Bassi) per un incontro dell'EDAN. Nel 2003 era già stato redatto un primo documento provvisorio dal titolo “Una chiesa di tutti e per tutti” con l'intento di sensibilizzare i responsabili ecclesiastici per creare un ambiente, sia fisico che spirituale, aperto alle persone disabili. “Il nostro ragionamento parte dall'idea che tutti noi, in quanto individui, siamo incompleti, siamo la parte di un tutto. Per questo saremo una comunità completa solo se saremo tutti insieme e potremo godere dei doni di tutti, disabili compresi”, ha spiegato Samuel Kabue coordinatore di EDAN (www.edan-wcc.org).

(NEV/KEK) – Cittadinanza europea: questo il tema di un incontro promosso dalla Commissione dell'Unione europea (UE) al quale hanno partecipato rappresentanti di chiese europee. Come mai l'idea di cittadinanza europea è oggi così impopolare? Se lo è chiesto il vescovo cattolico britannico Willima Kenney individuando tre risposte nella mancanza di solidarietà espressa dalle politiche nazionali ed europee, nella distanza tra persone e luoghi decisionali, in una debole affermazione dell'uguale dignità di tutti i cittadini, compresi poveri e migranti. Anche il protestante Peter Schreiner, presidente della Commissione intereuropea su chiesa e scuola, ha sottolineato come la prospettiva dell'essere una collettività solidale sia ancora lontana dall'essere maturata sia nella coscienza dei cittadini sia nelle scelte politiche. L'arcivescovo ortodosso di Cracovia (Polonia), Szczecin Jeremiasz, ha invece sottolineato come l'idea di cittadinanza si associ a quella di appartenenza a un luogo e ad una cultura anche spirituale.

(NEV) – Lo scorso 24 giugno a Vienna (Austria) si è costituita la “Rete globale per il diritto al cibo e al nutrimento”. Il nuovo organismo, che ha tra i suoi membri fondatori l'Alleanza ecumenica per la difesa dei diritti (EAA, www.e-alliance.ch) e l'associazione “Brot für die Welt”, intende mettere in rete organizzazioni della società civile per difendere quello che è universalmente riconosciuto come il diritto umano più violato in assoluto. “I governi devono essere messi davanti alle loro responsabilità riguardo alle politiche e ai programmi alimentari che sostengono”, ha dichiarato il pastore Malcom Damon, direttore esecutivo della rete per la giustizia economica del Consiglio cristiano del Sudafrica. La costituzione della Rete anticipa la Conferenza sui diritti umani Vienna+20 che si terrà nella capitale austriaca il 27 e 29 giugno prossimi.

(NEV) – Nella collana “Fattore R. Religioni fra tradizione e globalità” dell'Editrice missionaria italiana (EMI) è uscito il volume di Paolo Naso “Cristianesimo: pentecostali” (pagg. 160, euro 120). L'autore parte dalla constatazione che, in un panorama religioso mondiale non solo più aperto del passato ma anche particolarmente affollato, il pentecostalismo occupa uno spazio importante e crescente. Più di altre comunità di fede, dispone di contenuti, linguaggio, forme espressive in grado di rispondere alla diffusa domanda di senso e di spiritualità del nostro tempo post-secolare. Il libro cerca di capire la forza, individuare le criticità, immaginarne gli sviluppi del movimento pentecostale e delle sue tante ramificazioni. Si è così aperto non solo “un avvincente percorso di ricerca sotto il profilo della sociologia religiosa e dei processi culturali, ma anche un ambito di ragionamento di ordine spirituale ed ecclesiale”. Editrice missionaria italiana, via di Corticella 179/4, 40128 Bologna; www.emi.it

(NEV) – E' dedicato al tema della chiamata e della consacrazione il numero di giugno de “Il grido di guerra”, rivista mensile dell'Esercito della Salvezza in Italia. In sommario, un editoriale del tenente colonnello Daniel Naud, capo del comando italiano, un articolo di Virginia Longo sul senso biblico dell'essere chiamati, e un'ampia copertura della cerimonia di consacrazione di quattro nuovi ufficiali, avvenuta lo scorso 4 maggio a Roma. Il grido di guerra, via degli Apuli 39, 00185 Roma; www.esercitodellasalvezza.org

(NEV) - “Il giusto cade sette volte. Intervista all'etico Alberto Bondolfi”, “La Svizzera deve fare progressi. Amnesty International si presenta” e “Banche elvetiche nel mirino. Una nuova morale per i banchieri” sono i tre servizi di copertina del numero di giugno di “Voce evangelica”, mensile della conferenza delle chiese evangeliche di lingua italiana in Svizzera (CELIS). In sommario, la nascita della Chiesa protestante unita di Francia, diritto d'asilo, riflessioni sulla condizione del protestantesimo in Svizzera, l'anniversario della Riforma a Zurigo, Richard Wagner, donne e religioni, Jochen Klepper. Completano il numero le notizie dalle comunità. Voce evangelica, via Landriani 10, 6900 Lugano; www.voceevangelica.ch



Giovedì 27 Giugno,2013 Ore: 19:32
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Notizie Ecumeniche

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info