Cambiamento climatico
«Le nostre chiese devono agire ora!»

di Agenzia NEV del 26-9-2008

Letizia Tomassone, vicepresidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, ha aperto a Triuggio (Milano) la VII Assemblea della Rete cristiana europea per l’ambiente


Roma, 26 settembre 2008 (NEV-CS61) ? "Il riscaldamento globale del pianeta provoca l’estinzione di specie animali e vegetali, sconvolge equilibri umani e sociali, provoca guerre, carestie, epidemie e catastrofi naturali soprattutto nelle regioni più povere del mondo. Per le nostre chiese questo significa agire ora". Lo ha detto oggi la pastora valdese Letizia Tomassone, vicepresidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), nel quadro della VII Assemblea della Rete cristiana europea per l?ambiente (ECEN) che si tiene in questi giorni a Triuggio, vicino Milano.
Tomassone, che mercoledì 24 settembre ha aperto i lavori dell’Assemblea organizzata quest’anno dalla FCEI, ha sottolineato l’importanza di prendere sul serio i dati scientifici: "╚ necessario studiare e analizzare la situazione facendosi aiutare dagli scienziati. Insomma, non credere, per una volta, di conoscere già tutto, e di avere già la risposta pronta".
I partecipanti - un centinaio circa provenienti da 27 paesi europei e appartenenti a diverse denominazioni cristiane - nella giornata di ieri hanno infatti ascoltato una serie di interventi di scienziati sul tema del cambiamento climatico. "Ci sono modi per ridurre le emissioni di gas serra e le chiese possono contribuire nel proporre cambiamenti negli stili di vita e nei modelli di comportamento", ha affermato il climatologo Jean-Pascal van Ypersele, vice presidente del Comitato intergovernativo delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (organismo insignito del premio Nobel per la Pace 2007), che ha tracciato un quadro globale della situazione "peggiorata drasticamente dal 2001". Per l’urbanista Roberto Ferrero serve una "visione sacra" del mondo che si traduca in una "riformulazione etica e professionale che coinvolga tutti gli aspetti della produzione". Il biologo svedese Stefan Edman ha invitato le chiese a disfarsi del suo "tetro moralismo", per legare invece la questione ambientale alle tematiche dei diritti umani e della solidarietà.
La serata di ieri ha inoltre visto una tavola rotonda dibattere sul cambiamento climatico in chiave ecumenica: sono intervenuti l’ortodosso Dimitri Oikonomou, il riformato Otto Schńfer, il cattolico romano Karl Golser, l’evangelico Alfredo Abreu e il laico Michael Slaby del programma ONU per l’ambiente.
"Le chiese in Italia cominciano a percepire che il cambiamento climatico tocca con urgenza il nostro agire come credenti. Allora diventa necessario ascoltare e predicare l’evangelo che ci parla di ’conversione’, del cuore e degli stili di vita, e di un ’regno’ nel quale l’armonia fra natura e umani è operata da Dio. La terra è l’unico ambiente che abbiamo in cui vivere, è espressione dell’amore di Dio per noi. Davvero non sapremo prendercene cura?" si è chiesta Tommassone, che ha apprezzato la presenza ai lavori assembleari di diversi delegati cattolici italiani che lavorano nella "pastorale del creato". "Spero che possa nascere proprio sui temi dell’ambiente un nuovo e positivo dialogo ecumenico" ha concluso.
Oggi alle 17.30 in piazza Duomo a Milano i delegati si riuniranno insieme ai rappresentanti del Consiglio delle chiese cristiane del capoluogo lombardo per una "manifestazione del silenzio": un’ora di preghiera a favore della salvaguardia del Creato.
L’ECEN, nata nell’ambito della Conferenza delle chiese europee, si occupa da 10 anni di questioni ambientali. L’Assemblea si concluderà domenica 28 settembre con una celebrazione ecumenico. (www.ecen.org).



Venerdý, 26 settembre 2008