Preti pedofili
Le vittime di abusi rispondono alle decisioni riguardo le molestie del clero

Dichiarazione di David Clohessy di St. Louis, direttore nazionale di SNAP, la Rete Nazionale delle Vittime di Abusi da parte dei Preti (Tel. 314 566 9790 cell, 314 645 5915 abitazione)
Ci fa piacere che almeno alcuni tra quelli che sono stati gravemente danneggiati da questi preti avranno l’opportunità di trascinare loro e i loro capi corrotti in processo. Allo stesso tempo, siamo dispiaciuti ogni qualvolta apprendiamo che la gerarchia cattolica assolda avvocati o "spacca il capello" nel tentativo di assicurarsi il silenzio dei minori vittime di abusi, evadendo dalla propria responsabilità nei casi di crimini orrendi del clero. Questo tipo di rigidità legale è molto dannosa per le vittime e per tutti i cattolici, che meritano di sapere la verità, in sede di processo, riguardo crimini devastanti e ingiustificabili coperture.
Raccomandiamo a queste coraggiose vittime di avere il coraggio di uscire allo scoperto, di ricercare saggiamente un supporto legale, e di essere perseveranti allo scopo di ottenere giustizia e guarigione.
(SNAP, La Rete Nazionale delle Vittime di Abusi da parte dei Preti, è il più grande gruppo di supporto a livello nazionale per le vittime di abusi da parte del clero. Esistiamo da 17 anni e abbiamo 7.000 membri in tutto il paese. Anche se nella nostra ragione sociale nominiamo solo i "preti", abbiamo sottoscrittori che sono stati molestati da altre figure, incluse suore, rabbini, vescovi e pastori protestanti. Il nostro sito è SNAPnetwork.org)
Potete contattare David Clohessy (314-566-9790 cell, 314-645-5915 home), Barbara Blaine (312-399-4747), Barbara Dorris (314-862-7688), Mary Grant (626-419-2930), Mark Serrano (703-727-4940)

La corte di appello si rifiuta di respingere i casi di abusi
Associated Press - 22 maggio 2007 h. 3:45 PM ET
SPOKANE , Wash. (AP) - l’ordine religioso cattolico che ha formato il prete Patrick O’Donnell può essere citato in giudizio da dozzine di vittime di abusi sessuali le quali affermano che l’ordine sapeva che lui era un pedofilo e non avrebbe dovuto essere ammesso al presbiterato.
Questo è stato deciso recentemente dalla corte di appello dello stato.
La Associazione dei Sulpiziani [la congregazione a cui appartiene il religioso incriminato] degli Stati Uniti ha chiesto che le cause fossero respinte sulla base del fatto che non può essere ritenuta responsabile per i crimini sessuali di O’Donnell.
Tale mozione è stata inizialmente rigettata dalla corte, e la Corte di Appello di Seattle ha respinto l’ulteriore richiesta dell’ordine religioso di rivedere la suddetta decisione della corte.
Copyright 2007 The Associated Press. All rights reserved. This material may not be published, broadcast, rewritten or redistributed.
http://www.kndo.com/Global/story.asp?S=6553165



Mercoledý, 23 maggio 2007