- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (199) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

www.ildialogo.org La giornata del dialogo a Torino,di Maria Adele Roggero della Rete del Dialogo Cristiano-Islamico di Torino

XV Giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico - I resoconti delle iniziative
La giornata del dialogo a Torino

di Maria Adele Roggero della Rete del Dialogo Cristiano-Islamico di Torino

Il 15° incontro di preghiera e riflessione di cristiani e musulmani, a Torino, nella moschea Omar, si è svolto il 27 ottobre in clima di sincera e calda amicizia, di riflessioni e di preghiere sia musulmane sia cristiane. La moschea era affollata, come negli anni scorsi la moschea Taiba e la "Sala delle E" del Gruppo Abele.
E' molto importante che, per superare le sciagurate apparenze di una delittuosa "guerra di religione" (cioè, che abusa di una religione), cristiani e musulmani sviluppino l'ascolto reciproco, la comprensione, l'amicizia, la comunanza essenziale di fede, pur in diverse tradizioni e formulazioni, senza confusione e senza avversione. Come ha detto forte e chiaro papa Francesco, e come sappiamo noi, le guerre che ci sono oggi sono fatte per il denaro, per la volontà di dominio, per prelevare risorse, per vendere armi. Sono guerre che tormentano le popolazioni più povere, cacciano dalle loro case decine di milioni di profughi e non sono affatto guerre di religione. Tutte le persone religiose sincere cercano e invocano la pace giusta. 
Un particolare nuovo dell'incontro di quest'anno è stata una invocazione o preghiera comune, composta da alcuni musulmani e alcuni cristiani, con parole appartenenti sia all'una sia all'altra fede e che possono essere dette come proprie dall'una e dall'altra. Ci è sembrato bello e gradito a Dio che si sia pregato non solo accanto, in successione, ma anche insieme. Che Dio benedica questi impegni di persone che vogliono costruire la pace nella vita quotidiana come tra tutti i popoli.
Alleghiamo il testo della invocazione comune ed alcune foto.
Maria Adele Roggero della Rete del Dialogo Cristiano-Islamico di Torino
----------------------------
27 OTTOBRE 2016
GIORNATA DEL DIALOGO CRISTIANO ISLAMICO
MOSCHEA OMAR TORINO
INVOCAZIONE COMUNE DI CRISTIANI E MUSULMANI
letta a due voci da una musulmana e da una cristiana
O Dio, noi ti invochiamo insieme, cristiani e musulmani, in questo incontro di pace. Abbiamo imparato a credere in te, ad affidarci a te, secondo le nostre tradizioni, musulmana e cristiana. Noi rispettiamo reciprocamente le nostre religioni, perché sono vie su cui ci chiami a te e ci vieni incontro con i tuoi doni.
Il tuo Nome è grande, più di tutti i nomi che riusciamo a pronunciare al di fuori del tuo. Che il tuo Nome santo sia riconosciuto e onorato. Ti ringraziamo per tutti i profeti e le persone buone e giuste, i servi che hai mandato all'umanità, a illuminarci come guide e a condurci come esempi buoni sulla tua via.
Tu hai voluto che ognuna delle nostre religioni avesse una regola e una via, non hai fatto di noi una comunità unica, ma ci metti alla prova coi doni che ci hai dato. Tu ci chiedi di gareggiare non nella potenza e nell'ostilità, ma nelle opere buone, giuste, pacifiche. Quando torneremo a te, risolverai tu le nostre discordie. (Corano 5,48). Intanto vogliamo, musulmani e cristiani insieme, vivere le nostre religioni senza superbia e senza alcun disprezzo, umili davanti alla tua grandezza.
Ora, in un mondo diviso da gravi ingiustizie e da violenze, contro l'umanità che tu hai creato, noi invochiamo insieme il tuo aiuto. Aiutaci ad essere tutti persone giuste, purifica i nostri cuori, per farci operatori di pace e di giustizia tra tutti i popoli. Liberaci dallo spirito di dominio, dalla violenza, dall'omicidio, dalle guerre, dall'offesa e sfruttamento dei poveri. Perdonaci, affinché impariamo a perdonarci.
Nel passato e nel presente, c'è chi si è servito e si serve del tuo Nome per dominare e colpire altre creature umane. Non permettere che i malvagi offendano così le tue religioni e la tua divina bontà e clemenza e giustizia, che noi adoriamo.
Signore del creato, tu che ascolti l'invocazione, noi abbiamo la certezza che tu non abbandoni l'umanità nei suoi errori e peccati, ma, con misericordia e bontà, continuamente la chiami e la ispiri a fare il bene.
Aiutaci, unico vero Dio, Creatore degli uomini e delle donne, che ci vieni incontro per diverse vie tutte convergenti a te, aiutaci ad essere fedeli alla tua parola e al tuo insegnamento, alla tua luce che illumina ogni uomo (Vangelo di Giovanni 1,9).
Ci riconosciamo tue creature, uguali nei diritti umani, nella dignità che tu hai dato a tutti, e vogliamo insieme lavorare, come fratelli e sorelle in umanità, per la pace e la salvezza delle tue creature.
Dunque, noi diciamo insieme: Amin! Amen! Così è vero. Così crediamo.



Sabato 29 Ottobre,2016 Ore: 12:01
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Dialogo cristiano-islamico


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info